NBA - La storia del fantasma degli Orlando Magic

10.05.2020 12:35 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - La storia del fantasma degli Orlando Magic

Fran Vazquez si è ritirato. Una lunga e onesta carriera, con acuti davvero importanti. E con un record che rimarrà difficilmente battibile: è una delle uniche due scelte del draft NBA che non hanno mai giocato un solo minuto nella Lega.  L'altro è lo sfortunato Len Bias. Morto in modo sconvolgente per overdose di cocaina solo due giorni dopo essere stato scelto con il numero #2 dai Boston Celtics nel 1986.

Per ovvie ragioni, Vazquez sarà ricordato per sempre come uno dei più grandi errori nella storia dei Magic. Era stato scelto con il pick #11 assoluto nel draft del 2005. L'idea dei Magic perseguita dai co-GM Otis Smith e Dave Twardzik era di mettere sotto canestro la coppia Howard-Vazquez. Erano stati in Spagna a vederlo, gli accordi erano stati presi.

Nelle settimane successive al draft, Vazquez continuava a dire ai dirigenti di Orlando che alla fine avrebbe firmato con loro, ma voleva rimanere in Spagna per un altro anno o due e migliorare il suo gioco prima di presentarsi alla NBA. Ma non succederà, ormai lo sappiamo. Per il Tampa Bay Times, Mike Bianchi ha cercato di capire le motivazioni.

"Il modo migliore in cui posso spiegarlo è che Fran Vazquez era un bifolco europeo intimidito dall'America", afferma George Diaz, un ex scrittore sportivo di Sentinel che ha viaggiato a San Fernando, in Spagna, pochi mesi dopo quel draft del 2005 per intervistare Vazquez e scrivere una storia sul perché Vazquez abbia evitato i Magic.

Vazquez proveniva da una città di 2.000 persone: Chantada, in Spagna. Quando si presentò a New York, rimase sbalordito e sopraffatto dalla scena frenetica di Manhattan. Aveva anche portato la sua ragazza, Ana Toral, che aveva detto a Diaz: “Manhattan ci ha scioccato un bel po'. Tutti correvano per le strade e li stavamo solo guardando a occhi spalancati."

Come scrisse Diaz in un lungo articolo all'epoca, Vazquez cedette "alle pressioni combinate di un'influente fidanzata (Toral) e di un agente (Jose Cobelo) che avrebbe ottenuto migliori guadagni personali se fosse rimasto a casa (in Spagna)".

Ora si è ritirato. Gli Orlando Magic possono così rinunciare al fantasma con cui hanno convissuto per 14 anni.