LBA - Attenta Olimpia: Brindisi è una contendente per il titolo

17.12.2020 09:09 di Umberto De Santis Twitter:    Vedi letture
LBA - Attenta Olimpia: Brindisi è una contendente per il titolo

Il 2020-21 è un campionato molto strano, e basta guardare la classifica per capirlo (a parte il ritiro/esclusione della Virtus Roma, tristemente annunciato fin dallo scorso maggio).

Una sola squadra, l'Aquila Trento, ha giocato tutte le partite in calendario. E addirittura una delle ultime tre a pari punti, l'Allianz Trieste, vincendo i suoi cinque recuperi potrebbe ritrovarsi seconda dietro la coppia Brindisi-Milano.

E guarda caso le due capolista, che non sono in ordine alfabetico ma in quello del vantaggio nello scontro diretto che domenica la Happy Casa ha guadagnato al Forum, sono le due formazioni che meno hanno sofferto dei problemi causati dalla pandemia. 

Addirittura, la buona sorte ha permesso all'Olimpia di evitare nel momento meno opportuno una doppia trasferta di EuroLeague in Russia (Zenit e Khimki) che probabilmente avrebbe avuto effetti importanti sulla tenuta fisico-atletica della squadra.

Quale caratteristica accomuna Brindisi e Milano? Il coach. Messina e Vitucci sono due tecnici padroni del loro spogliatoio, dotati di personali e ferree convinzioni sul proprio sistema che hanno piena fiducia della proprietà (e non per queste vittorie). Ma con modalità differenti.

Il primo in continuità con il lavoro dell'anno scorso, e i risultati ci dicono essere questa una vera, canonica squadra dell' Ettore storico con la spruzzata dell'adesione al tiro da tre punti.

Il secondo in completa rivoluzione dell'organico, trovando in alcuni interpreti la continuità stilistica precedente (Harrison per Banks, Perkins per Brown III) ma con l'aggiunta della maturazione di Darius Thompson e l'innesto di Derek Willis per il salto ulteriore di qualità che gli sta regalando una squadra da titolo.

E senza guardare troppo in avanti, una Happy Casa capace di poter vincere la prossima Coppa Italia. Si proprio quella che è sfuggita due volte di fila per dettagli, prima contro Cremona (2019), poi contro Venezia (2020). Una partita secca come la gara di domenica scorsa.

In attesa che la Virtus Bologna trovi la quadratura sull'asse Teodosic-Belinelli, la Reyer Venezia risorga dall'incubo Covid e post Covid (che è già costato la stagione europea senza potervi porre rimedio) e senza dimenticare la sempre temibile Sassari, c'è un interessante duello che ci accompagnerà fino al termine del girone d'andata.