Cosa può insegnare la NBA sul Coronavirus a Trump e a certi politici poco accorti

17.08.2020 08:00 di Umberto De Santis Twitter:    Vedi letture
Cosa può insegnare la NBA sul Coronavirus a Trump e a certi politici poco accorti

Se c'era qualcuno in grado di organizzare in tempo di Coronavirus una ripartenza di campionato di dimensioni così grandi come è stato il Restart di Orlando, senza togliere nulla al bellissimo lavoro fatto dalla Bundesliga, Liga Endesa e Winner League in Europa, costui poteva essere solo la NBA. Non solo per questione di soldi, ma anche per questione di cultura sportiva, sociale e medica che pochi al mondo posseggono.

L'analisi l'ha fatta Derek Robertson su Politico.com, che vi invitiamo a leggere, nel paragone con l'altrettanto potente MLB, che soffre di molti casi di Covid-19 tra i giocatori e in quello con l'America di Donald Trump, una amministrazione che ha rifiutato di confrontarsi con il mostro epidemico.

L'approccio che la Lega ha avuto nel trasformare un fallimento stagionale in una opportunità di rinascita è eccezionale. Guardare l'elenco di partite così emozionanti, con la loro presentazione innovativa in onda e la relativa libertà dalle preoccupazioni degli allenatori, dei giocatori e dei membri dello staff sull'infezione da Covid, è come una fuga temporanea verso un mondo migliore. Quel mondo è possibile solo grazie agli sforzi, ai sacrifici e ai compromessi fatti da un gruppo eterogeneo di persone che non hanno lasciato che i loro interessi in competizione si frapponessero al loro interesse condiviso, cioè mettere in campo una pallacanestro di alto livello e fare un sacco di soldi giocando.

Di contro, l'amministrazione Trump cosa ha dato ai suoi cittadini? In tutto il paese gli americani si rassegnano alla realtà che non torneranno a lavorare, non torneranno a scuola, non potranno vedere in sicurezza i loro amici e non riceveranno un vaccino fino al prossimo anno. (Trump, nel frattempo, con oltre 160.000 morti di Covid nel futuro del paese, ha tentato di rassicurare gli americani in un discorso televisivo che il virus "non avrà alcuna possibilità contro di noi".)

Robertson plaude a esempi come l'Italia. La NBA ha deciso di riaprire solo dopo aver veramente tenuto sotto controllo il virus. La lega ha bloccato i suoi giocatori per davvero, trasferendoli in un campus tentacolare sul terreno del Walt Disney World e imponendo rigorose quarantene a coloro che se ne andavano e tornavano. I giocatori vengono testati quotidianamente. Nessun fan è ammesso nelle arene, e quindi, all'interno della bolla, sono liberi di giocare come hanno sempre fatto. Questa è la ricetta, più o meno, che ha permesso a paesi come la Nuova Zelanda, la Corea del Sud e persino ai primi disastri come l'Italia di riprendere una vita normale.

Adam Silver ha costruito un fronte comune con l'associazione dei giocatori e i governors nonostante le tensioni tra tutte le parti su questioni tra cui la sicurezza, l'ubicazione delle partite e se le squadre matematicamente eliminate dai playoff sarebbero tornate a giocare. Ha gestito il fattore distruttivo delle tensioni sociali sulla morte di George Floyd. Ha messo in piedi un piano ambizioso per tornare in campo, mescolando bene la volontà di mediare il disaccordo, e probabilmente un certo livello di compromesso su tutti i fronti con, cosa più importante, la volontà di affrontare la gravità del virus e riconoscere che debba essere contenuto prima che possa accadere qualsiasi altra cosa.

Da metà marzo invece, l'amministrazione Trump ha scoraggiato i test diffusi, promosso cure da ciarlatani guaritori e ha esortato i funzionari dell'agenzia e i governatori a ficcarsi le dita nelle orecchie e procedere come se nulla fosse accaduto. Il governo federale ha in gran parte chiesto agli stati e alle località di badare a se stessi, lasciandoli vulnerabili alle decisioni dei loro vicini. Se a qualcuno fischieranno le orecchie trovandoci analogie con politici ed governanti locali italiani non ci troveremo nulla di strano.