Raznatovic: "Le squadre devono dare l'85% dei contratti ai giocatori"

03.04.2020 16:05 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Raznatovic: "Le squadre devono dare l'85% dei contratti ai giocatori"

Sul sito dell'agenzia Beo Basket, nella giornata odierna interviene il potente procuratore Misko Raznatovic per esprimere il suo parere nella questione della riduzione degli stipendi a giocatori, allenatori e staff delle squadre a causa dello stop alle competizioni dovuto alla pandemia di Coronavirus.

Durante questi tempi difficili, stiamo assistendo a un gran numero di posizioni contrastanti tra i club e i giocatori per quanto riguarda gli obblighi finanziari e contrattuali che i club hanno nei confronti dei propri giocatori. Queste posizioni contrastanti si estendono oltre i giocatori da una parte e le squadre dall'altra; questo è ora un problema tra i vari club e tra i giocatori stessi.

In qualità di avvocato e agente di basket di molti giocatori interessati, mi sento in diritto di esprimere la mia opinione su questa situazione, soprattutto tenendo conto del fatto che ho partecipato attivamente ai negoziati con la FIBA ​​durante l'istituzione del Basket Arbitral Tribunal circa 10 anni fa. Una volta istituita il BAT, sono stato anche il primo agente in assoluto a processare un caso davanti al tribunale, dopo aver subito un numero enorme di casi da allora, quindi penso che la mia opinione su questo argomento possa aiutare molti che sono attualmente indecisi su questa edizione.

Prima di tutto, non vi è alcun argomento sul fatto che l'attuale sospensione di tutti i campionati a causa della pandemia rientri nella categoria delle circostanze imprevedibili, in termini giuridici noti come - forza maggiore. In secondo luogo, non vi è inoltre alcun argomento sul fatto che i contratti europei non abbiano clausole che regolano queste circostanze imprevedibili, rendendo i nostri contratti diversi da quelli della NBA che ha stipulato un accordo di contrattazione collettiva.

Pertanto, la situazione deve essere risolta conformemente ai principi generali della legge, ma soprattutto per tutti i contratti che rientrano nella giurisdizione sul BAT, deve essere risolta conformemente al principio ex aequo et bono. In altre parole, uguaglianza, giustizia ed equità.

Secondo me, la situazione non è così complicata. I giocatori hanno già guadagnato i loro sette stipendi mensili e questo non è quasi contestabile. Tutta l'attenzione, le discussioni e i dilemmi sono incentrati sulla risoluzione del destino dei restanti tre stipendi, in altre parole il 30% degli utili finanziari.

La raccomandazione non ufficiale dei club di EuroLeague di pagare il 67% del valore del contratto (in altre parole di pagare solo ciò che è stato guadagnato) non è sicuramente una soluzione accettabile a questo proposito perché una tale proposta mette tutti gli effetti negativi e le ramificazioni del situazione attuale sui giocatori stessi.

Inoltre, non è accettabile offrire come spiegazione il fatto che i club non hanno più entrate e quindi i giocatori non saranno pagati. Questa soluzione proposta lascia i giocatori senza entrate che sicuramente non possono essere considerate uguaglianza ed equità. Inoltre, la raccomandazione non ufficiale di EuroLeague è l'opposto assoluto del principio ex aeque et bono e si può dire che con assoluta certezza che non sarà accettata.

Fino ad oggi, c'è stato solo un caso prima del BAT in cui la forza maggiore è stata citata come un'obiezione importante. Il caso era BAT 0529/14 contro il club libanese Champville. Il BAT ha ritenuto che fosse giusto e solo per dividere l'onere delle conseguenze di forza maggiore tra il club e il giocatore. Sulla base di questo precedente, sono assolutamente certo che tutti i casi che saranno processati di fronte al BAT avranno lo stesso risultato in cui le conseguenze negative causate dalla forza maggiore (in questo caso la pandemia del Coronavirus) saranno suddivise equamente tra i club e i giocatori.

Poiché stiamo praticamente parlando del 30% del valore dei contratti, sono convinto che il danno sarà suddiviso in parti uguali. Ciò significa che i club dovranno pagare 1,5 stipendi aggiuntivi ai giocatori invece dei tre stipendi o espressi in percentuale pari al 15% del contratto. I giocatori, d'altra parte, dovranno rinunciare alla percentuale esatta dei loro contratti.

In poche parole, i giocatori verrebbero pagati il ​​70% del loro contratto per i giochi a cui giocavano con un compenso aggiuntivo del 15% che lo rendeva un totale dell'85% del valore del contratto.

Detto questo, devo sottolineare che anche le informazioni non ufficiali che l'ELPA richiederà l'80% sono, a mio avviso, insoddisfacenti e non rappresentano adeguatamente l'interesse dei giocatori in questa situazione.

A seconda delle specifiche di ciascun caso, la compensazione può ammontare a un valore ancora maggiore, ma a mio avviso, sarà molto difficile che sia inferiore a quello che ho scritto sopra, soprattutto se si considera che i club non hanno forza maggiore nei loro contratti.

Infine, sto sottolineando che questa è la mia opinione professionale che non è obbligatoria, ma sono assolutamente sicuro che sia completamente conforme al principio ex aequo et bono e mi aspetto che il BAT assuma la stessa posizione. Tutto quanto sopra rimane il mio punto di vista a meno che non ci sia una continuazione della stagione in qualche modo. Se la stagione dovesse continuare, i club sarebbero, a mio avviso, obbligati a pagare soldi aggiuntivi e molto probabilmente adempiere a tutti gli obblighi contrattuali.

Nessuno dei suddetti è applicabile per i giocatori che non hanno la clausola BAT nei loro contratti e i cui contratti rientrano nella giurisdizione del legislatore locale.