Coronavirus. Un breve storia dell'inizio della crisi vista dall'OMS

14.04.2020 15:46 di Umberto De Santis Twitter:    Vedi letture
Coronavirus. Un breve storia dell'inizio della crisi vista dall'OMS

La genesi e lo sviluppo della pandemia di Coronavirus saranno tutti da scrivere dopo la fine dell'emergenza sanitaria che dalla Cina è passata in Asia, Europa e America fino ai possibili focolai che si potrebbero sviluppare in India e in Africa. Ecco alcuni passaggi che sarà bene tenere a memoria per quando si dovrà capire cosa è successo e come prepararsi per affrontare nuove e simili sfide che attenderanno il mondo nel futuro.

Il 9 gennaio 2020, l' OMS ha riferito che la misteriosa malattia della polmonite in Cina era un nuovo coronavirus, lo stesso tipo di agente patogeno che aveva causato l'epidemia di SARS in 29 paesi nel 2002 e nel 2003. Il giorno successivo, l'OMS ha pubblicato un pacchetto completo di assistenza tecnica con consulenza a tutti i paesi su come rilevare, testare e gestire potenziali casi.

Lo stato di Taiwan aveva chiuso i voli dalla Cina già il 31 dicembre 2019, ha disposto misure ulteriori e ha contenuto l'epidemia.

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno confermato i loro primi casi di covid-19 entro un giorno l'uno dall'altro, meno di due settimane dopo il primo allarme dell'OMS. Con risposte diametralmente opposte: alla data del 13 aprile 2020, gli USA hanno 524.514 contagi con 20.444 morti; la Corea del Sud 10.537 con 217 morti.

Il 23 gennaio, l'organizzazione ha tenuto una conferenza stampa internazionale, confermando un quadro di base del virus che regge abbastanza bene oggi: un nuovo coronavirus che diffonde persona a persona, più trasmissibile dell'influenza stagionale e 40 volte più mortale, con un tasso di mortalità stimato del 4 percento. 

Una settimana dopo, l'OMS ha dichiarato un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale, il più alto livello di allarme che l'organizzazione è autorizzata dagli Stati membri a emettere.

Uno dopo l'altro molti stati hanno emesso divieti di viaggiare da un apese ad un altro, senza riuscire a fermare l'avanzata del contagio. L'OMS aveva sconsigliato i divieti di viaggio e, come dimostra l'esperienza americana, questi divieti non si sono dimostrati efficaci. L'OMS aveva precedentemente avvertito che i divieti di viaggio contribuiscono a "una falsa impressione di controllo" - la percezione errata che un divieto sarebbe sufficiente per fermare la diffusione della malattia.

Un problema che dovrà essere affrontato in futuro è la "cosiddetta" deferenza dell' OMS alla volontà degli Stati. In effetti ci sono dei vincoli che i governi membri dell'OMS, compresi gli Stati Uniti, hanno scelto di imporre.

L'agenzia delle Nazioni Unite ha un mandato globale espansivo, ma un budget annuale di $ 2,2 miliardi, inferiore a molti dei principali ospedali statunitensi. Non può operare nei paesi membri senza il loro permesso e non ha il potere di imporre loro sanzioni per non aver rispettato le sue regole. Di conseguenza, l'OMS dipende dalla cooperazione dei governi per compensare le sue risorse e autorità limitate.

L'OMS ha lanciato l'allarme in anticipo e ha fornito informazioni credibili in un momento in cui una migliore preparazione avrebbe potuto ancora fare la differenza. Tutto quello che è successo durante e dopo il mese di gennaio 2020 dipende esclusivamente dalle reazioni che ogni stato singolo ha avuto nel prendere in mano la situazione con autorità o con insufficienza.