Juvecaserta, il vicepresidente Barbagallo chiude la questione del play: "Hannah resta a Caserta"

01.10.2013 00:21 di Alfredo Marotta   Vedi letture
Fonte: Noi.Caserta.it
Juvecaserta, il vicepresidente Barbagallo chiude la questione del play: "Hannah resta a Caserta"

L’esordio in campionato del 13 ottobre contro Venezia al Palamaggiò si avvicina per la Juvecaserta targata Iavazzi-Barbagallo. Di questo precampionato tra alti e bassi della squadra bianconera prova a fare il punto della situazione il vicepresidente Carlo Barbagallo: “Il bilancio tecnico -  afferma subito Barbagallo – è largamente positivo. Sapevamo sin dall’inizio del raduno che la strada sarebbe stata in salita, essendo una squadra quasi del tutto nuova, ma devo dire che i ragazzi hanno risposto bene sul campo. Ovviamente – analizza – c’è chi si trova più avanti nella preparazione, chi più indietro, contando anche che abbiamo ben sei esordienti nel massimo campionato italiano”. Sulla vicenda Hannah il vicepresidente bianconero smorza i toni e subito chiude ad un possibile taglio del play americano: “Resta con noi, Atripaldi e Molin puntano su di lui”. Poi spiega dettagliatamente la situazione svelando anche qualche retroscena: “E’ vero che Stephon ha avuto ed ha tuttora qualche difficoltà, ma penso siano normali visti i grandi ostacoli che presenta il nostro campionato. Si è dovuto adattare ad un basket diverso da quello giocato da lui negli Usa, dove incantava a suon di penetrazioni. In Italia è diverso - sostiene il vicepresidente - non sempre c’è bisogno della penetrazione e spesso il play deve far giocare i compagni e provare soprattutto il tiro. Ma appena ha capito le difficoltà, il ragazzo si è impegnato tantissimo, tenendo allenamenti extra che lo hanno aiutato a migliorare e già dalla partita di Brindisi i risultati si sono visti. Per l’esordio del campionato sarà prontissimo”. E sugli altri nuovi arrivati? “Penso sia indiscusso il talento di Jeff Brooks, un giocatore che conoscevamo già da prima: un vero top player. Chris Roberts e Carletton Scott - continua  -mi hanno incredibilmente impressionato, li immaginavo forti, ma non fino a questo punto. Ci faranno divertire. Vitali e Tommasini sono esordienti in un massimo campionato, ma si sono integrati bene. Soprattutto Vitali mi ha impressionato per la grande determinazione messa a servizio della squadra e del coach”. Prima dell’esordio in campionato fissato per il 13 ottobre, la Juvecaserta terrà altre amichevoli di lusso: “Nella prossima settimana giocheremo 3 test molto importanti rispettivamente con Siena, Roma e Bologna che ci serviranno per verificare la tenuta del campo, in una partita vera, dei nostri giocatori”. Tralasciando gli aspetti tecnici, Barbagallo rivela che, insieme al presidente Iavazzi, si stanno ancora adoperando per ripianare qualche vecchio debito: “Io e Raffaele (Iavazzi, ndr) stiamo pagando qualche vecchio debito che risale alle vecchie gestioni societarie. Ed è brutto sentirsi dire – afferma Barbagallo – quando bussiamo alla porta di qualche imprenditore per uno sponsor, che la Juvecaserta non merita di essere aiutata, forse queste ‘porte in faccia’ sono dovute a vecchie ed errate gestioni della società bianconera”. Ma a snobbare la Juvecaserta non sono soltanto imprenditori e possibili sponsor: “Abbiamo presentato alcuni progetti seri volti alla valorizzazione del territorio ma alcune istituzioni ci hanno ignorato. Spero che col tempo le cose possano cambiare”.