NBA - Danilo Gallinari porta un'esperienza preziosa in vista di Orlando

04.07.2020 00:37 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Fonte: nba.com/thunder
NBA - Danilo Gallinari porta un'esperienza preziosa in vista di Orlando

Danilo Gallinari ha sempre offerto una prospettiva unica al roster dei Thunder. Come uno dei pochi veterani della squadra, fornisce ai suoi giovani compagni un livello radicale di esperienza professionale sul campo. Quando il COVID-19 iniziò a diffondersi negli Stati Uniti, Gallinari stava già tenendo d'occhio il suo percorso da settimane ed era ben consapevole della sua gravità come nativo del Nord Italia - una regione fortemente colpita dal coronavirus prima degli Stati Uniti. E ora, anche se la NBA inizia il suo piano senza precedenti per riavviare la stagione al Walt Disney World la prossima settimana, è una situazione che non è del tutto estranea al forward del Thunder.

Da quando aveva 14 anni Gallinari ha trascorso ogni estate con la Nazionale Italiana. È diventato una routine a cui è abbastanza abituato a questo punto: vivere in un hotel con la tua squadra, mangiare con la tua squadra e giocare a basket. Tutti vestono allo stesso modo e la vita ruota attorno a partite ed allenamenti. Nessuna distrazione, solo basket.

"Il tipo di ambiente che ci attende in Florida sarà abbastanza simile a questo", ha detto Gallinari. "Ci sono abituato."

La scorsa estate, Gallinari ha partecipato con l'Italia al torneo di Coppa del Mondo FIBA ​​tenutosi in Cina. L'intero torneo è durato 16 giorni con 32 squadre partecipanti e Gallinari ha segnato in media 17 punti durante le cinque partite della sua squadra. Allo stesso modo, la point guard dei Thunder e collega veterano Chris Paul ha anche lui vissuto un ambiente simile alla Coppa del Mondo FIBA: le Olimpiadi del 2008 a Pechino e le Olimpiadi del 2012 a Londra. Entrambi hanno portato medaglie d'oro per Paul.

Grazie alla sua quasi ventennale esperienza in queste situazioni, Gallinari ha spiegato perché crede che i suoi compagni di squadra saranno in grado di adattarsi facilmente allo strano nuovo ambiente di Walt Disney World. "Penso che all'inizio (Paul ed io) possiamo aiutare come leader di questa squadra, ma alla fine della giornata da quando giocheremo a basket, penso che tutti si adatteranno subito", ha detto Gallinari.

“La cosa buona è che non avremo molte distrazioni. Si tratterà solo di pallacanestro e di prepararsi per fare allenamenti e giocare così tante gare che tutti, dopo un po', si adatteranno e diventerà una abitudine.”

La fiducia di Gallinari nella capacità di adattamento dei suoi compagni di squadra è ben giustificata. Questa squadra vuole giocare. Ancor prima che iniziassero gli allenamenti obbligatori della squadra lunedì, ogni singolo giocatore ha colto l'occasione per allenarsi nello IONE dei Thunder su base volontaria. La stessa natura competitiva della squadra che ha sconfitto Boston sulla strada negli ultimi momenti di marzo, è la stessa squadra che non vedeva l'ora di tornare in palestra per giocare di nuovo.

Durante l'intero periodo di pausa, Gallinari è rimasto a Oklahoma City. Se fosse tornato nel suo paese natale, l'Italia, ha detto che non sarebbe stato in grado di passeggiare fuori casa, un'attività che gli è piaciuta molto durante la pausa. Una volta aperta la palestra, è stato in grado di venire dal lunedì al venerdì per allenamenti individuali di forza e basket.

Anche allora, come ha sottolineato Gallinari, non esiste un allenamento che possa davvero simulare una gara NBA. Questo è il punto interrogativo incombente a cui Gallinari non ha ancora la risposta. È la stessa domanda che devono affrontare tutte e 22 le squadre: come sarà giocare 5 su 5 dopo quattro mesi senza una partita?

"La parte più difficile sarà tornare in forma perché possiamo esercitarci e fare allenamenti individuali quanto vogliamo, ma non sarà mai come una partita. Sarà diverso, qualcosa di nuovo. Penso che avrò un'idea migliore una volta arrivato lì, dopo un paio di settimane di vita a Orlando, Disney World. Non ne ho idea adesso."

Per quanto riguarda la parte cerebrale del gioco, Gallinari ha notato che la sua squadra è rimasta in contatto ogni singolo giorno dal 12 marzo. Hanno preparato e studiato mentalmente i giochi che hanno portato a questo momento. Delle molte incognite per le 22 squadre presenti ad Orlando, Gallinari ha notato che la mentalità della sua squadra non è una di queste.

"Dal punto di vista mentale, saremo pronti. Alla fine giocheremo a basket quasi ogni giorno. Questo è quello che facciamo. Questo è ciò che amiamo fare. Dovremo adeguarci un po' all'inizio, ma ci abitueremo."