Bollettino Covid-19, 23 settembre: il mondo vuole evitare un secondo lockdown

23.09.2020 21:30 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Bollettino Covid-19, 23 settembre: il mondo vuole evitare un secondo lockdown

Coronavirus Italia. Nel bilancio del 23 settembre ecco la curva epidemica in Italia. Sono venute a mancare anche oggi 20 persone. L'incremento dei nuovi casi di coronavirus è di 1.640 (1.392 ieri). Nessuna regione è a zero contagi. I numeri più bassi si registrano in Valle d'Aosta (2) e Molise (3), i più alti in Campania (248), Lombardia (196) e Lazio (195). 

Ricordiamoci che viviamo in un momento di grande incertezza, anche dal punto di vista scientifico, e che occorre mantenere alta l'attenzione. La mobilità è stata il fattore più importante nella diffusione del contagio.

Ancora però non si va verso un stop delle vittime in Italia, salite a 35.758 con un incremento di 20 (14 ieri). Pazienti in terapia intensiva: 244 (ieri 239). I guariti raggiungono quota 220.665. Gli attualmente positivi sono 46.114 sempre in risalita. La prudenza è sempre d'obbligo.

"Noi sappiamo che l'incubazione è di 4-6 giorni, allora il settimo giorno fai il tampone e liberi la persona dalla quarantena. In linea di massima in 7 giorni tu dovresti diventare positivo, quindi diciamo che in 10 giorni, così sei più tranquillo, puoi liberare quella persona dalla quarantena". Così il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite a Porta a porta, a proposito della possibile riduzione del periodo di quarantena da 14 a 10 giorni. "E' una proposta che non è stata ancora messa in pratica e che il Comitato tecnico scientifico sta valutando – ha ricordato – una proposta fatta per coloro che stanno in quarantena e non per i positivi che sanno di avere il Covid ma per coloro che sono stretti contatti di un positivo. Questo significherebbe liberare le persone dalla quarantena e anche trovarle perché oggi molte, con la paura di dover stare fermi 14 giorni, non comunicano di essere uno stretto contatto o di essere positivo e questo è un grande rischio".

L’ordinanza emanata dal ministero della Salute prevede l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto, dove non sia possibile rispettare le regole sul distanziamento, solamente tra le 18 e le 6 del mattino. Una decisione che, al di là dell’ironia, si basa su alcune considerazioni riguardanti le abitudini dei più giovani, la stagionalità e in generale ha l’obiettivo di evitare i contagi causati dalla movida. Ed è prevista una multa salata per chi non è in regola da 400 euro.

Coronavirus Mondo. Invece  il grafico che aggiorna i dati in tempo reale della Johns Hopkins University conferma che alle 20:30 del 23 settembre gli Stati Uniti sono il paese con il maggior numero di infetti, oltre 6,8 milioni, l'India supera 5,4 milioni e il Brasile 4,5; e siamo ormai a oltre 28,5 milioni di contagi confermati nel mondo.

6.921.817 USA ; 5.646.010 India ; 4.591.364 Brazil ; 1.117.487 Russia ; 777.537 Colombia ; 776.546 Peru ; 705.263 Mexico ; 693.556 Spain ; 663.282 South Africa ; 652.174 Argentina ; 508.322 France ; 449.903 Chile ; 432.798 Iran ; 412.240 United Kingdom ; 302.537 Italia. Totale contagi mondo 31.717.955. Totale morti mondo: 973.014.

Germania. Il ministro degli Esteri Heiko Maas è in quarantena dopo che una delle sue guardie del corpo è risultata positiva al Covid-19. Lo ha reso noto l'agenzia tedesca Dpa. La Germania, rispetto agli altri grandi Paesi europei, ha subito un impatto più lieve durante la prima ondata. E l'evoluzione dei nuovi contagi per ora resta sotto la soglia media dei duemila. Ora, però, "dobbiamo cambiare alcune cose perché la pandemia inizierà seriamente soltanto adesso. Anche da noi". L'avvertimento è arrivato da Christian Drosten, virologo dell'ospedale Charité che rappresenta una delle voci più autorevoli del panorama scientifico nazionale. "Non abbiamo fatto le cose meglio degli altri finora, abbiamo soltanto reagito prima", ha sottolineato, invitando le autorità e la popolazione a non abbassare la guardia e a non trattare la questione con superficialità, con "modi da stadio".

Israele. Il ministro della Difesa Benny Gantz ha ordinato all'esercito di costruire un ospedale da campo per fare fronte ai casi da Covid 19, visto che gli ospedali del paese cominciano a non avere più capienza. Gantz - che a breve andrà negli Usa per incontri con i rappresentanti della Difesa dopo l'Accordo di Abramo in particolare per la vendita degli F35 agli Emirati - ha stabilito che l'esercito, secondo un comunicato del ministero, avvii subito i preparativi per costruire "una struttura da campo che disponga di circa 200 posti letto". Intanto l'ospedale 'Shaare Zedek' di Gerusalemme e 'Assuta' di Ashdood hanno annunciato che non prenderanno più pazienti Covid visto il sovraffollamento. Secondo il direttore generale della sanità Chezi Levi è possibile che in 10 giorni i malati gravi aumentino di 200-300 unita'. 

Gran Bretagna. Boris Johnson ha indicato la pandemia attuale come "la crisi più grave che il mondo si trova a dover affrontare in tutta la mia vita". Mentre ha parlato di speranze dalle ricerche su un vaccino, aggiungendo tuttavia che "non ci siamo ancora". Nelle ultime 24 ore sono stati accertati quasi 5.000 nuovi contagi (dato più alto dal 7 maggio) e 37 decessi (il numero più alto dal 14 luglio). Misure analoghe a quelle annunciate dal premier Tory britannico per l'Inghilterra, pur con qualche differenza comunque inferiore rispetto ai mesi scorsi, sono state intanto annunciate contemporaneamente per la Scozia e per il Galles dai capi dei governi locali di Edimburgo e di Cardiff, l'indipendentista Nicola Sturgeon e il laburista Mark Drakeford: competenti in materia nei rispettivi territori in forza della devolution accordata alle nazioni del Regno.

Giappone. Il Grande slam di judo, uno dei maggiori tornei del circuito mondiale di questo sport, in calendario per il mese di dicembre, è stato cancellato a causa della pandemia di coronavirus. Lo ha annunciato l'International Disciplinary Federation (IFJ). "Di fronte alla persistente incertezza che circonda la pandemia di Covid-19 e al fatto che il Giappone sarà il Paese ospitante dei Giochi Olimpici (posticipati all'estate del 2021, ndr), l'IFJ deve prestare la massima attenzione nell'organizzazione degli eventi in Giappone ", ha spiegato la federazione in un comunicato. "Abbiamo deciso di cancellare questo Grande Slam e di non rimandarlo perché ci sono già diversi eventi IJF e competizioni nazionali che si terranno all'inizio del 2021", ha aggiunto la federazione. Il Grande Slam di Budapest, previsto per la fine di ottobre, è attualmente confermato, ma la decisione finale spetterà alle autorità ungheresi il mese prossimo, ha detto l'IFJ. Per gennaio sono confermati anche i Master di Doha, in Qatar.

"Dubito che il vaccino anti Covid potrà avere un'efficacia del 98%, come per altri vaccini, ma sarei già soddisfatto del 75%: il vaccino, cioè, non proteggerà tutti, ma proteggerà la maggioranza delle persone interrompendo la diffusione del virus. Non si deve cioè necessariamente proteggere l'intera popolazione". Lo ha detto l'immunologo americano Anthony Fauci in un'intervista video in occasione di Frontiere-Festival di Salute. "Sono convinto – ha detto – che avremo un vaccino entro l'anno e sarà distribuito nel 2021. Entro la fine del 2021 ne saremo fuori, grazie al vaccino e alle altre misure. Ancora un anno prima di tornare ad una quasi normalità". Il consulente per la Casa Bianca ha parlato anche dell'Italia: "L'Italia deve usare la massima prudenza. Non bisogna pensare che sia tutto finito e bisogna continuare a rispettare alcune misure fondamentali come l'uso delle mascherine, il distanziamento e il lavaggio delle mani".

Francia. Il governo ha inserito diverse metropoli, tra cui Parigi, nella cosiddetta lista delle ''super rosse'' o ''scarlatte'' per la diffusione del coronavirus e i rischi di contagio. Nella capitale francese l'incidenza del Covid-19 riguarda 204 abitanti ogni centomila. Tra i provvedimenti annunciati stasera in tv dal ministro della Sanità francese Olivier Véran, il divieto di assembramenti oltre 10 persone, feste di studenti e associative vietate, chiusura di bar e locali alle 22. Véran ha parlato di "situazione ormai degradata" in diverse città e in particolare a Parigi e nella regione Ile-de-France, zona passata in "allerta rafforzata". L'area di Marsiglia ed Aix-en-Provence è - insieme alla Guadalupa - in "allerta massima", con restrizioni ancora più rigide.

Svezia. Aumentano i casi di Coronavirus, tra i pochissimi paesi europei a non aver adottato nei mesi scorsi il lockdown totale per contenere la trasmissione del contagio. Le infezioni erano diminuite in modo significativo durante l'estate e finora nel Paese non si era mai registrato un incremento dei positivi come si è osservato invece in Spagna, Francia e Regno Unito. Tuttavia, da venerdì sono stati segnalati circa 1.200 nuovi casi, rispetto ai circa 200 casi al giorno nelle ultime settimane, a cui si aggiungono cinque decessi, e questo aumento significativo non può essere spiegato solo da un maggior numero dei test effettuati, ha affermato l'Agenzia di sanità pubblica. Per questo, Anders Tegnell, capo epidemiologo svedese, ha affermato che non sono escluse misure restrittive per Stoccolma, dove c'è una maggiore incidenza del virus.

Spagna. Anche la capitale spagnola, Madrid, sta facendo fronte ad una situazione potenzialmente esplosiva. Le autorità regionali, dopo aver ripristinato il lockdown in sei quartieri della città ed altri 7 comuni, hanno chiesto al governo centrale l'intervento dell'esercito per l'installazione di tende, l'esecuzione di test e lavori di disinfezione. Servono anche 200 medici extracomunitari, per far fronte alla carenza di personale, e agenti della polizia nazionale per le ispezioni. La prossima settimana, inoltre, potrebbero scattare ulteriori restrizioni, con un ampliamento del numero di aree a mobilità ridotta nella regione. Se si considera che nelle zone senza restrizioni si viaggia a oltre mille contagi ogni 100mila abitanti.

USA. "Stiamo distruggendo il virus": lo ha assicurato il presidente Usa, Donald Trump, nel corso del suo comizio in Pennsylvania, attaccando ancora la Cina. "Non chiamatelo coronavirus; è il Chinavirus. Corona, la corona suona come una cittadina italiana o qualcosa del genere. È Chinavirus", ha detto il presidente parlando ai sostenitori non distanziati tra loro, molti dei quali non indossavano la mascherina. Trump ha preso in giro il suo rivale democratico alle elezioni presidenziali di novembre, Joe Biden. "Indossa sempre la mascherina. Tutti quei soldi in chirurgia plastica per coprirla con una mascherina", ha aggiunto Trump. Il presidente ha poi commentato i 200 mila morti per il coronavirus negli Usa e ha detto che sarebbe potuta andare peggio: "Penso che sia un peccato, ma se non l'avessimo gestita nel modo giusto avreste 2,5 milioni di morti", ha detto, citato da The Hill. 

Cina. Pechino, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin all'indomani del duro intervento di Donald Trump all'Assemblea generale dell'Onu, "si oppone con fermezza" agli Usa che "fabbricano menzogne e lanciano accuse infondate" contro il gigante asiatico "dal podio delle Nazioni Unite per fini politici". Gli Stati Uniti, ha incalzato Wang secondo le dichiarazioni riportate dai media ufficiali cinesi, hanno "usato" l'Assemblea generale dell'Onu per "infangare la Cina per scopi politici". E "i fatti dimostrano che unilateralismo e bullismo sono le principali minacce per il mondo", ha detto ancora il portavoce, accusando gli Usa di aver "ripetutamente lanciato accuse infondate" contro la Cina sul Covid-19 nel "tentativo di distogliere l'attenzione dalla risposta inadeguata" alla pandemia.