Serie B - Quattro giorni per chiudere il lotto delle iscrizioni

27.07.2020 21:00 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Serie B - Quattro giorni per chiudere il lotto delle iscrizioni

Teramo a Spicchi da Teramo Basket 1960 ha chiuso a undici l'elenco delle compravendite di titoli sportivi sul fiorente mercato per partecipare alla prossima serie B, secondo la normativa FIP.

Ecco le trattative realizzate (in grassetto le squadre che si iscriveranno alla serie B):

Bologna Basket 2016 da Costa d'Orlando Basket

Cus Jonico Taranto da Teate Basket Chieti

DGM Campoformido da Valsesia Basket

Libertas Livorno 1947 da Stella Azzurra Roma

Nuovo Basket Catanzaro da Centro Basket Scauri

Pallacanestro Molfetta da Basket Corato

Pallacanestro Roseto da Basket Lecco

Pallacanestro Viola Reggio Calabria da Gilbertina Soresina

Real Sebastiani Rieti da Virtus Valmontone

Teramo a Spicchi da Teramo Basket 1960

Virtus Kleb Ragusa da Porto Sant'Elpidio Basket

Per la composizione dei gironi si dovrà attendere però i primi di agosto, quando Lega Pallacanestro sarà in grado di poter fare una proposta certa al Settore Agonistico. Le iscrizioni si chiudono tra quattro giorni, il 31 luglio.

Si stanno risolvendo anche i casi di possibile mancata iscrizione. Andiamo verso un verso un riposizionamento in Serie C Gold per Basketball Lucca e Montecatini Basketball. Mentre Scandone Avellino e Pallacanestro Senigallia sono date in conferma. Ci sarebbero ancora due casi aperti: Pallacanestro Palestrina, che deve sciogliere i dubbi, e una trattativa per portare Green Palermo a Monopoli con cessione di titolo.

Nella valutazione dei ripescaggi, le squadre di Serie C Gold che risultano aver presentato domanda ufficiale sono: San Giobbe Chiusi, Pallacanestro Fiorenzuola e Unione Basket Padova in prima fascia; la stessa Monopoli e l'Oxygen Bassano in seconda.

Con il riposizionamento in Serie B a scendere A2 di Imola ed Agrigento, e del praticamente certo ripescaggio di Cento a salire in A2, il lotto delle partecipanti a oggi comprese le cessioni di titolo - senza considerare le già ventilate ipotesi di ritiro - dovrebbe essere questo, diviso per regione in ordine alfabetico:

Abruzzo 3 (Giulianova, Roseto, Teramo)
Basilicata 1 (Matera)
Calabria 2 (Catanzaro, Reggio Calabria)
Campania 4 (Avellino, Pozzuoli, Salerno, Sant'Antimo)
Emilia Romagna 7 (Bologna, Cesena, Faenza, Imola, Ozzano, Piacenza, Rimini)
Friuli 2 (Campoformido, Monfalcone)                                                                                                                                                                                       Lazio 5 (Cassino, Formia, Luiss, Palestrina, Rieti)
Lombardia 9 (Bernareggio, Crema, Cremona, Olginate, Pavia, Piadena, Sangiorgese, Varese, Vigevano)
Marche 6 (Ancona, Civitanova, Fabriano, Jesi, Montegranaro, Senigallia)
Piemonte 4 (Alba, Alessandria, Oleggio, Omegna)
Puglia 5 (Bisceglie, Molfetta, Nardò, Ruvo di Puglia, Taranto)
Sicilia 4 (Agrigento, Ragusa, Palermo, Torrenova, )
Toscana 8 (Cecina, Empoli, Firenze, Livorno, Lucca, Montecatini, Piombino, San Miniato)
Veneto 4 (Mestre, Padova, San Vendemiano, Vicenza)