Addio Kobe. Draymond Green "Penso abbia abbracciato Gianna dicendole 'tutto andrà bene'"

29.01.2020 21:29 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Addio Kobe. Draymond Green "Penso abbia abbracciato Gianna dicendole 'tutto andrà bene'"

Commosso anche Draymond Green, che ha raccontato un episodio importante della sua vita che riguarda Kobe Bryant. Black Mamba lo aveva aiutato a recuperare dopo uno dei peggiori episodi della sua carriera con Golden State, quando sfortunatamente aveva rilanciato i Cavaliers nella finale NBA 2016 dopo la squalifica di gara 5, per poi perdere nella settima.

“Mi sembrava che la mia carriera stesse crollando. E Kobe mi ha contattato. Ho detto: "Kobe, non so cosa fare. La gente stava cercando di farmi fuori. Il campionato sta cercando di farmi fuori. I media stanno cercando di eliminarmi. Tutti stanno cercando di farmi fuori. E non so cosa fare. " Mi disse: "Draymond, il 99% del mondo si accontenta della mediocrità - o peggio. Ma, nella migliore delle ipotesi, della mediocrità. Stai cercando qualcosa di molto più grande. Come vuoi che ti capiscano? Per me, questo era tutto ciò che dovevo sentire, soprattutto da un ragazzo che amavo da quando ero un bambino, per il quale ho il massimo rispetto e con il quale ho finito per costruire una relazione. Per me è stato importante, perché se Kobe diceva "vaffanculo a tutti", era "vaffanculo a tutti".

Nel suo intervento sull'incidente di elicottero di Kobe con Anthony Slater per The Athletic, Draymond Green ha sognato una triste poesia.

"Quando i figli sono malati, ci comportiamo come il dottore", ha detto. "Mia figlia è venuta a trovarmi alla fine della scorsa settimana. Si è svegliata due volte nel cuore della notte, dicendo: "Papà, mi fa male lo stomaco. "Molto bene, dai, stenditi qui." La sdrai, la lenisci e sta bene. Torna a dormire. Poi ritorna poche ore dopo. Un'altra volta, appena ho massaggiato il suo stomaco si è addormentata ... Qualunque cosa il tuo bambino sopporti, ti assicuri di affrontare il problema. Quindi per me, come padre, penso a Kobe in quella situazione. Soprattutto l'uomo che era Kobe. Kobe avrebbe spostato le montagne e nessuno al mondo avrebbe potuto dirgli che non poteva farlo, lo avrebbe spinto fuori dalla sua strada.

Pensi a lui in questa situazione, è lì con sua figlia. Probabilmente le sta dicendo che va tutto bene. E nella sua mente, sa che non lo è. Ma come padre, non puoi nemmeno mostrare a tua figlia che non pensi che tutto vada bene. La penso così. E dal profondo del mio cuore, davvero, mentre so di essere lontano da questo elicottero, so come è andata. Probabilmente ha abbracciato sua figlia e le ha detto che tutto sarebbe andato bene. Mi fa molto male perché so di cosa si tratta, essendo un padre. E poi pensi alle sue tre figlie e sua moglie. Non è rimasto nessuno a dirle che andrà tutto bene. E questo mi fa male."