NBA - Lakers: Magic Johnson accusa Rob Pelinka di "averlo pugnalato alle spalle"

20.05.2019 18:48 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Lakers: Magic Johnson accusa Rob Pelinka di "averlo pugnalato alle spalle"

Dopo aver parlato di "pugnalata alle spalle" nella notte delle sue dimissioni, ora Magic Johnson passa all'attacco e accusa chiaramente Rob Pelinka. Prima che i Lakers presentino alla stampa il loro nuovo allenatore, Frank Vogel, Magic Johnson li ha preceduti concedendo un'intervista esplosiva allo spettacolo "First Take", lo show mattutino di ESPN.

"Ho iniziato a sentir dire che non stavo lavorando abbastanza, che non ero abbastanza in ufficio. Le persone intorno al club stavano iniziando a dirmi che Rob (Pelinka, GM) stava dicendo cose che non mi piaceva sentirmi dire dietro le spalle, di non essere abbastanza presente in ufficio. Poi ho ricevuto telefonate dai miei amici, anche fuori dalla pallacanestro, che mi hanno detto che queste cose venivano segnalate anche a loro. Non solo negli uffici del club, ma anche all'esterno. La gente dimentica, ma sono stato in questo mondo per 40 anni, quindi ho amici e alleati ovunque. E poi ho dovuto gestire i due fratelli, Joey e Jesse (Buss, presidente della squadra G-League e assistente GM), che volevano essere più coinvolti e avere più potere."

E infatti il potere era l'altro grosso problema di Magic Johnson. L'ex direttore d'orchestra della "Showtime" pensava di avere l'ultima parola sulle decisioni, ma dice di aver avuto difficoltà a imporre le sue scelte. Avrebbe voluto licenziare Luke Walton, ma spiega che Jeanie Buss era titubante, e altri membri dell'organizzazione che lavoravano per mantenere l'allenatore al suo posto. Dopo un incontro con Tim Harris, Business president del club, che voleva tenere Luke Walton, Magic Johnson assicura di aver capito che era giunto il momento di andarsene.

"Non mi piaceva il fatto che Tim Harris fosse troppo coinvolto nelle decisioni sul basket. Doveva gestire l'aspetto commerciale del club ma stava cercando di entrare nel nostro campo. Jeanie deve smetterla. Ci sono troppe persone al tavolo. Quello che succede è che tutti danno il loro consiglio e ci sono così tante informazioni che le vengono in mente che quando le ho detto che dovevamo farlo, non poteva prendere una decisione perché gli era già stato detto di fare qualcos'altro. Il suo amore e rispetto per queste persone ha fatto sì che spesso non siamo stati in grado di prendere le decisioni giuste o prendere decisioni. Non puoi gestire un'attività del genere, con persone che pensano di avere voce in capitolo in ogni decisione. Doveva essere il mio ruolo."