Mondiali basket 2019 - Argentina, Luis Scola "ha fatto l'allenamento alla Rocky Balboa"

14.09.2019 15:55 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Mondiali basket 2019 - Argentina, Luis Scola "ha fatto l'allenamento alla Rocky Balboa"

Alla bella età di 40 anni, con un curriculum fitto che toglierebbe motivazioni a chiunque, con un fisico spaziale che gli ha consentito di giocare una partita ogni due giorni in perfetto stile NBA, si toglie il velo sul segreto della preparazione di Luis Scola.

A scoprirlo un giornalista argentino, Julián Mozo di Infobae. E questo è quello che ha raccontato.

"Ha fatto l' allenamento di Rocky per questa Coppa del Mondo" , ha detto al giornalista argentino il padre di Luis, Mario Scola . Mario è stato anche un giocatore professionista fino al 1988 ed è stato una delle principali influenze di Luis, di cui spicca il suo carattere testardo e professionale.

È stato proprio per questo motivo che è stato proposto di progettare un piano di commissioning personale in vista di questo momento. Ha assunto un allenatore fisico che conosceva dalla squadra nazionale, Marcelo López , con il quale lavora durante la stagione in Cina, e Manuel Sánchez, un allenatore di basket specifico. Ha detto a suo padre di lasciare tutto pronto per marzo in un piccolo garage nella sua fattoria di Casteli , a 180 chilometri da Buenos Aires (un posto da lupi, ndr). Sarebbero state 14 settimane di reclusione monacale, un rigido regime di messa a punto fisica e tecnica forse senza precedenti.

Sanchez apparve con una cartella in cui aveva una serie di basi di lavoro, che modificò insieme a Luis. “Ha guadagnato molto: in agilità, abilità, velocità e ha abbassato il baricentro. E la cosa più importante è che non ha dubbi, ha un'altra fiducia. Oggi prende la palla nella linea dei tre punti e deve attaccare", afferma Sánchez a proposito del miglioramento.

Il lavoro tecnico è completato dal fisico, andando a correre alle sette del mattino anche in giorni molto freddi, e poi il lavoro in pista ha completato mattine molto intense. Curiosamente, tutto questo è stato fatto da Luis senza colazione, come il metodo Busquets introdotto dal fisioterapista della squadra nazionale Paulo Maccari, cugino di primo grado di Manu Ginobili, predispone.

Questo sistema è stato anche implementato nella selezione e consiste nelle seguenti linee guida per l'alimentazione, l'allenamento e le tecniche posturali. In linea di principio sconsiglia il consumo di prodotti lattiero-caseari, cereali, zuccheri, legumi, pasta e praticamente nessuna carne rossa. La nutrizione si basa su un sacco di pesce, verdure, uova (preferibilmente dalla fattoria) e grassi buoni.

Si allena una volta al giorno intensamente. Questa sessione è seguita da otto ore in cui è consentito mangiare e quindi 16 ore a stomaco vuoto e senza assunzione solida. Gli intestini puliti dicono che mantengono il sistema immunitario vigile e che aiuta a prevenire lesioni.

Scola seguì l'intero piano molto prima della concentrazione della selezione per i Pan American Games prima e per i Mondiali in seguito. In altre parole, ha pianificato questo momento per quasi sei mesi.

Se qualcuno ha preparato bene questa finale contro la Spagna è lui.