Mondiali 2019 - Per Steve Kerr, la mancanza di esperienza comune ha segnato il Team USA

25.09.2019 15:09 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Mondiali 2019 - Per Steve Kerr, la mancanza di esperienza comune ha segnato il Team USA

Nell' analizzare il fallimento del Team USA ai Mondiali, Steve Kerr ha considerato che la debolezza della squadra degli Stati Uniti era contrapposta alla forza delle altre Nazionali: "Si sente l'importanza della continuità. Siamo di fronte a squadre composte da giocatori che giocano insieme da anni."

L'allenatore dei Warriors prende l'esempio dell'Australia, battuta durante la finale per la medaglia di bronzo dalla squadra francese.

"Hanno Patty Mills, Matthew Dellavedova, Andrew Bogut, Aron Baynes, Joe Ingles. Sono già molto bravi e giocano insieme estate dopo estate. Ho visto partite internazionali. Ricordo le Olimpiadi del 2016. L'Australia stava facendo un'azione chiave che mi piaceva. Ancora oggi svolgono queste stesse azioni. Lo stesso anche alle Olimpiadi del 2012. Con gli stessi giocatori. È la stessa logica per la Spagna."

L'annata 2019 del Team USA non ha avuto esperienze comuni tra i giocatori e in passato è andata bene perché il talento offensivo delle superstar aveva fatto la differenza. Non appena manca il talento, la continuità diventa cruciale.

"Non presentiamo gli stessi giocatori ad ogni competizione. Questo è un enorme svantaggio per noi, un vantaggio per gli altri. Quindi è un buon modo per ricordare quanto sia importante, quanto sia bello quando i giocatori si conoscono. Lo sapevo già, ma questo lo conferma. La somma delle parti è inferiore al valore complessivo della coesione collettiva. "