Facts and Figures - All'alba del mito

20.05.2020 00:10 di Marco Garbin   Vedi letture
Facts and Figures - All'alba del mito

La storia del basket professionistico negli Stati Uniti affonda le sue radici nel 1925, anno in cui viene costituita la American Basktball League, che vede Cleveland prima squadra campione, seguita l'anno successivo da Brooklyn. Con l'arrivo dei Celtics la musica cambia: i newyorkesi sono di parecchi livelli al di sopra delle avversarie e vincono a mani basse il titolo al loro anno d'esordio. Con all'orizzonte un futuro fatto di sconfitte diversi team abbandonano la lega e quelli rimasti impongono lo scioglimento dei Celtics, che comunque dal punto di vista organizzativo non passano un periodo roseo, con il GM Tom Furey al fresco per affari poco puliti e minacciati di sfratto dal Madison Square Garden.
Si concretizza così una redistribuzione di pezzi pregiati con l'obiettivo di equilibrare il  livello dei team superstiti. 
Nel frattempo, dall'altra parte degli States, cresce la National Basketball League, alla quale va il merito di prendere a piene mani esempi e prospetti dai college.
Nel dopoguerra a New York nasce la Basketball Association of America, che fa tesoro di pregi e difetti delle precedenti leghe e punta forte sullo show business: ingredienti fondamentali sono squadre in grado di dare spettacolo e location all'altezza.
E' così che Boston Celtics, New York Knicks, Chicago Stags, Cleveland Rebels e Detroit Falcons fra le tante, divise in Conference, danno vita al format che diventerà il più famoso nel mondo della palla a spicchi. Un format che si dimostra vincente fin da subito, tanto da far migrare dalla NBL uno dei team principali: i Lakers.
Per la NBL è il capolinea. La fusione fra NBL e BAA, il 3 agosto del 1949, sancisce la nascita della National Basketball Association, o come in breve è conosciuta nel mondo NBA.