LBA - Virtus Bologna, Djordjevic commenta la fine del campionato

09.04.2020 00:54 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
LBA - Virtus Bologna, Djordjevic commenta la fine del campionato

Anche il coach della Virtus Bologna Sasha Djordjevic commenta la fine anticipata del campionato italiano in una lunga intervista rilasciata al sito serbo nova.rs.

Tragedia Coronavirus. È difficile, le immagini inquietanti fanno paura, i numeri fanno paura e quando sai che non sono solo numeri, sono vite umane, tragedie familiari, drammi personali, grande stress, quindi capisci la quantità di sofferenza – enorme. Le persone non solo a Bologna, ma in tutta Italia, sono consapevoli del peso che portano, ma in primo luogo hanno continuato a pensare positivamente .

La FIP e la fine del campionato. È meglio iniziare con entusiasmo piuttosto che finire, come diciamo, male. Penso che questa sia una decisione prevista, date le incredibili difficoltà che affrontiamo. Quando lo dico, intendo non solo il basket, ma come la società che impiegherà del tempo per tornare alla normalità .

La questione scudetto è ancora aperta. Onestamente, questo ora è in secondo e terzo piano. Al primo posto ci sono le vite umane, e poi quando la pandemia sarà finita, lentamente noi, come individui, governi, società, dobbiamo iniziare a costruire un ambiente in cui gli spettatori apprezzeranno il basket, un buon film al cinema, uno spettacolo teatrale.. non più appesantita dalla paura accumulata in tutti noi durante queste settimane difficili. Non dobbiamo essere sorpresi se vedremo persone che indossano maschere per strada per molto tempo. Non sarà facile, perché abbiamo ricevuto un duro colpo, ma sono convinto che risorgeremo.

Il problema retributivo. L’associazione allenatori italiana ha trovato una posizione comune, ma prima di tutto penso che questa decisione sulla remunerazione dipenda dalle singole persone, per aiutare tutti il più possibile. Siamo tutti in difficoltà, i club hanno esaurito le entrate dei biglietti, i diritti televisivi … e abbiamo bisogno di unità per uscire dalla crisi col minor dolore possibile.

Il problema psicologico. La nostra palestra è privata, quindi abbiamo cercato di mantenere un po ‘di freschezza con non più di due giocatori sul campo, senza contatti, lontano dal vero allenamento. Ma dopo alcuni giorni ci siamo fermati perché abbiamo visto che non sarebbe stato possibile continuare. Quindi abbiamo detto loro che potevano andare a casa, prima di tutto per un motivo psicologo. Teodosic e Markovic sono già in Serbia, e altri due dei nostri americani torneranno presto a casa. Non ho bisogno di dire quanto sono professionisti, torneranno tutti fisicamente in forma, ma il più importante è il momento psicologico, dopo il grande blocco mentale che questa condizione ha prodotto. Tutto parte dalla testa. Questo spasmo mentale è estremamente pericoloso, è spesso causa di infortuni, e immaginate ora. Parlo ai giocatori di quanto sia importante ricongiungersi sul campo, quando ci sarà l’opportunità, che solo il basket è nelle loro menti, poiché il loro futuro può dipendere dal presente.

Quest’anno il basket italiano sembrava tornato ai tempi d’oro. Guarda quanto è stato fatto. Teodosic, Rodriguez, Skola, Markovic, sono arrivate le star del basket europeo. Ad esempio, quando stavamo giocando a Roma, l’intero palazzo ha dedicato applausi a Teodosic. Mi ha fatto bene al cuore, perché è stata la prova che l’amore per il basket ha iniziato a tornare nei palasport … ed è cresciuto sempre di più. Anche i risultati dei club italiani in Europa, la mia Virtus, poi Milano, Venezia, hanno nuovamente attirato il pubblico, il basket è tornato sui media, nelle strade, ai tavoli delle caffetterie… La Nazionale italiana sta salendo, e credimi, io so molto bene quanto la squadra nazionale può contribuire all’aumento della popolarità e dello sviluppo di questo sport. Sfortunatamente, ora tutto è in sospeso, ma credo che vinceremo questa partita, non importa quanto sia pericoloso l’avversario.