GLeague - Jeremy Lin denuncia il secondo caso di razzismo in 24 ore

27.02.2021 10:00 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
GLeague - Jeremy Lin denuncia il secondo caso di razzismo in 24 ore

Nella giornata di ieri, il circus della NBA è stato colpito dalla notizia di un episodio di razzismo ai Jazz dopo le accuse di Elijah Millsap ( l'allenatore Dennis Lindsey avrebbe fatto commenti discriminatori contro di lui). 24 ore dopo tocca a Jeremy Lin che in un post su Facebook, senza fare il nome dell'avversario, ha denunciato di essere stato apostrofato con l'epiteto "coronavirus" in riferimento all'origine della pandemia e il suo essere di origine cinese. 

"La mia esperienza di nove anni nella NBA non mi protegge dall'essere definito un "coronavirus" sul campo", ha scritto Lin, senza specificare se l'incidente si sia verificato nella "bolla" della G-League. "Siamo stanchi di sentire che dobbiamo mettere la testa giù e non creare un problema. Siamo stanchi di chiedere ai bambini di origine asiatica da dove vengono. Siamo stanchi di prendere in giro i nostri occhi. Siamo stanchi di essere considerati esotici o brutti naturalmente. Siamo stanchi degli stereotipi che Hollywood ci impone, limitando ciò che pensiamo di poter essere. Siamo stanchi di essere invisibili, di essere confusi con un collega o di sentire che i nostri problemi non esistono. »

Anche la G-League, dpo la NBA, ha aperto una inchiesta sul caso.