BCL - Tenerife e Galatasaray mostrano i muscoli, delusione Paok

Oltre agli impegni delle due compagini italiane erano in programma altre cinque gare, andiamo a vedere come sono terminate
05.10.2022 22:31 di Lorenzo Belli   vedi letture
Huertas @Fiba photos
Huertas @Fiba photos

Prestazione gagliarda dei bosniaci dell'Igokea sul parquet dei campioni di Fiba Europe Cup del Bahcesehir, trascinati da De'Shawn Stephens (12 punti e 6 rimbalzi) conducono la contesa per larghi tratti, a 4' dal termine è Boutsiele (17 e 10 rimbalzi) ad impattare a quota 60 poi negli ultimi giri di lancette è l'esperienza di Jamar Smith (17) a delineare l'esito finale: suoi i quattro punti nei 30" secondi finali che archiviano la vittoria turca per 70-67

Dopo una pessima gara il Paok prova una tardiva rimonta con i numeri di Jalen Riley (25 punti) ma il Bourgogne Dijon regge con Chase Simon (25) e i tiri liberi dello sloveno Hrovat (9 con 1/10 dal campo ma 7/7 perfetto dalla lunetta) che a 13" dal termine respingono definitivamente gli ellenici che cominciano la competizione con una pesante sconfitta interna in un gruppo complesso data la presenza di Malaga e Sassari. Risultato finale di 66-70

Il Strasburgo, imbottito di vecchie conoscenze del nostro campionato, regola in volata i magiari del Falco Szombathely che con Zoltan Perl (13 e 7 assist) hanno sulla sirena il tiro del pareggio ma non entra ed è 81-78. Marcus Keene (20) da eroe di serata rischia di combinare il pasticcio con un clamoroso 0/2 in lunetta a 7" dalla sirena finale, la palma del migliore in campo spetta a l'ex Brescia Lansdowne (20 con 8/10 da 2)   

Prova di forza da parte del Galatasaray al domicilio del Filou Ostenda del tiratore Pierre Gillet (17 punti con 5/5 da oltre l'arco) che nulla può contro un Dee Bost particolarmente ispirato (23) e alla sostanza del talento classe 2000 Sadik Kabaca (15 e 5 rimbalzi) che stravince il duello con l'unicorno belga Bleijenbergh (8 e 3/11 dal campo). Finisce 79-92 

I campioni in carica del Lenovo Tenerife inaugurano la nuova campagna europea sull'asse vintage ma sempre ad effetto Huertas (19 punti e 7 assist) Shermadini (18 e 6 rimbalzi) con il bombardiere finnico Salin a supporto (18 con 6/8 da oltre l'arco) e già nel parziale iniziale (27-18) mettono in chiaro al Rytas Vilnius che non sarà una serata semplice; i tentativi di rimonta lituana passano dalle mani del folletto Marcus Foster (21) e da Echodas (15 e 7 rimbalzi) ma sono vani: i canari si confermano tra le grandi favorite della competizione imponendosi subito con autorità per 89-74