Dino Meneghin: Ogni giorno è una tragedia in sé e non vediamo davvero la fine

25.03.2020 00:33 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Dino Meneghin: Ogni giorno è una tragedia in sé e non vediamo davvero la fine

Uno dei massimi giocatori italiani ed europei, Dino Meneghin è stato intervistato dal sito israeliano Walla Sports per parlare dell'epidemia di Coronavirus, che ha visto l'Italia in prima fila nella lotta di contrasto e fino ad oggi la più colpita dal numero di decessi.

Ho perso due amici. Ogni giorno è una tragedia in sé. Centinaia di persone muoiono, molte si infettano e non vediamo davvero la fine. Siamo molto tristi. Grazie al cielo, la mia famiglia sta bene, ma ho perso due amici nell'epidemia, uno nella zona di Venezia e l'altro a Bergamo. Non potremo nemmeno partecipare ai  funerali. È difficile.

Prevenzione personale. Abbiamo capito che la storia sarebbe stata molto difficile. Siamo rimasti con il cane e il gatto e abbiamo chiuso a chiave la porta. Non siamo giovani e dobbiamo prenderci cura di noi stessi.

Tanti non l'hanno fatta. Se le persone fossero rimaste a casa in primo luogo, non saremmo arrivati ​​a quella situazione. I giovani pensavano che non fosse per loro, che erano Superman. Fino a dieci giorni fa, vedevo ancora giovani per le strade uscire per allenarsi o passeggiare, famiglie che camminavano con i bambini e non riuscivo proprio a crederci.

La salute prima del basket. La salute è più importante: gli atleti, le squadre, i tifosi. Fino a quando il pericolo non passa, non è necessario tornare ai campi di gioco. È troppo pericoloso. L'Euro, le Olimpiadi, i campionati del mondo - non ha senso sostenerli in questa situazione. È una situazione che non abbiamo mai incontrato.

Seguire le indicazioni. Milano è una città così energica, c'è sempre traffico, e ora le strade sono vuote. Ascolta le ambulanze qua e là. È incredibile. Ma questa città ha un grande cuore e quando sarà finita, tutto esploderà in senso positivo.