NBA - Lakers, Wesley Matthews ricorda con emozione il consiglio di Kobe Bryant

25.11.2020 14:21 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Lakers, Wesley Matthews ricorda con emozione il consiglio di Kobe Bryant

Wesley Matthews, nel 2015, con 15,9 punti a partita (45% sui tiri e 39% su 3 punti) nella stagione 2014-15, si era affermato come la terza opzione offensiva di Portland, dietro LaMarcus Aldridge e Damian Lillard.

Sfortunatamente andò incontro alla rottura del tendine d'Achille. Un colpo terribile per l'ex giocatore di Marquette. Matthews lo rievoca in una intervista al Los Angeles Times: "È stato difficile. È una ferita demoralizzante. E una delle persone che mi ha aiutato di più durante la mia guarigione, e che riposa in pace, è Kobe Bryant. Cosa che non avrei mai immaginato".

Di sicuro Kobe era uno che poteva parlare dell'argomento, essendoselo rotto nel 2013. "Non volevo emozionarmi... Ma mi ha toccato" prosegue il nuovo acquisto dei Lakers. "Non aveva il mio numero di telefono e non eravamo mai stati in contatto prima. Ma mentre parcheggiavo a casa nel mio vialetto, ricordo di aver ricevere una chiamata da un numero sconosciuto. Era Kobe e condivideva la sua saggezza e mi ha aiutato a motivarmi perché era onesto. Mi ha detto che era difficile e che sarebbe stato difficile. A quel punto, non è quello che vuoi sentire, ma è quello di cui avevo bisogno. Volevo sapere cosa a cui sarei passato e questo mi ha aiutato. È sempre stato una sorta di aiuto per me e mi piace pensare di poterlo essere per gli altri io oggi".

Wesley Matthews ha preso il posto della leggenda dei Lakers aiutando i giocatori che soffrono di problemi al tendine d'Achille il prima possibile. Essenziale, l'aiuto reciproco è essenziale in queste condizioni ed è stata creata una vasta catena di solidarietà nella NBA. A questo proposito, Kevin Durant, DeMarcus Cousins o più recentemente Rodney Hood, ad esempio, hanno contattato l'ex guardia dei Bucks, sempre disponibile ad aiutare i più giovani.