NBA - Lakers: Anthony Davis sta già pianificando la sua offseason

10.06.2021 18:20 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Lakers: Anthony Davis sta già pianificando la sua offseason

Anthony Davis ha dato tutto se stesso alla causa dei Lakers. Nonostante gli infortuni e il dolore, l'ala grande/centro ha insistito per essere presente per Gara 6 dopo aver saltato la precedente per le sue condizioni precarie. 

Fino a quando il suo corpo gli ha detto di fermarsi, ed è stato costretto a tornare negli spogliatoi dopo aver resistito per cinque minuti.

"Ero già dolorante all'inizio della partita e quando sono saltato per contrastare Devin Booker ho peggiorato il mio infortunio all'inguine" , ha detto nella sua intervista post gara a tarda notte. "Ho sentito più o meno lo stesso dolore di Gara 4".

Davis ha ricordato che i Lakers hanno avuto solo due mesi di pausa, e che la stagione precedente era iniziata in Cina con l'incidente diplomatico nato dal tweet di Daryl Morey. 

A ciò bisogna aggiungere la crisi del Covid, gli infortuni, e per Davis è dunque arrivato il momento del meritato riposo. Riposo mentale e fisico. Una vera pausa di un intero mese prima di tornare in sala pesi.

“Farò sei settimane consecutive di allenamento sulla forza ogni giorno. E poi si passerà alla parte cestistica, magari un mese o un mese e mezzo prima del ritiro”, ha aggiunto.

“Voglio diventare più solido, ma mi sentivo pesante quando giocavo. Quindi, sono sceso sotto i 110 chili (nota: era salito a 115 kg). Mi alleno e poi, una volta in campo, se mi sentirò a mio agio giocherò con quel peso”.

Contemporaneamente verrà fatta una analisi di cosa è andato storto nella serie contro i Suns. "Non è stata una grande serie offensiva e dovremo identificare quale sia stata la più efficace, con me e LeBron in campo e individualmente e quindi continuare a progredire".

Ala grande o centro? Ruolo condiviso, non importa quale. "Possiamo sempre scambiarci. Abbiamo avuto due centri l'anno scorso con JaVale McGee e Dwight Howard. Quest'anno abbiamo avuto un "stretch big" e un pivot che gioca vicino canestro, quindi penso di poter giocare in entrambi i modi. Quando era con Marc (Gasol), ho suonato presso il ferro e poi con Andre Drummond, ho giocato più largo. Il mio profilo ideale è quello che funziona, quello che si addice alla nostra squadra”.