LBA - Fortitudo Bologna, Dalmonte "Daremo il meglio di noi in mezzo alle difficoltà"

13.04.2021 18:50 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
LBA - Fortitudo Bologna, Dalmonte "Daremo il meglio di noi in mezzo alle difficoltà"

Turno infrasettimanale (l'ultimo di questa stagione 2020-21) per la Fortitudo Bologna che coach Luca Dalmonte, alla vigilia della trasferta di domani a Cremona, presenta con queste parole.

Peso specifico. Il tempo sta scorrendo e il peso specifico delle partite sta crescendo di importanza, giochiamo contro una competitor che ci affianca in classifica, è chiaro che ereditando l’1-0 dell’andata visualizzando la vittoria ci porteremmo su un 2-0 e 2 punti in più a tre giornate dalla fine. Pensiamo ai punti su cui costruire la partite: due giocatori hanno il peso della creatività nella squadra e sono TJ Williams e Poeta, che giocano pick and roll da cui traggono vari vantaggi. Due specialisti come Hommes e Mian che hanno situazioni speciali a cui dovremo prestare attenzioni, specie per Hommes che ha skills da esterno vicine a un 3; entrambi hanno un range di tiro molto NBA, perché se sono in fiducia possono spaccare la partita tirando con percentuali importanti; hanno poi due scorer perché Cournooh e Barford possono attaccare in qualunque momento ma hanno anche esplosività atletica che dovremo limitare. Hanno due lunghi molto interni, con Williams da rispettare fronte a canestro. Avremo grandi capacità individuali e responsabilità di squadra e sugli 1vs1 degli esterni, dovremo essere pronti individualmente per non dare vantaggi dall’uscita dei blocchi per Mian e Hommes. Difensivamente loro propongono anche zona tattica e non dovremo perdere ritmo nell’affrontarla. Cremona propone a seconda dell’avversario diverse difese sul pick and roll e noi dovremo reagire a queste diverse difese.

Withers e Totè. Per Withers navighiamo a vista sul suo recupero. Già oggi potremmo avere un indicatore in funzione di domani. Potrei dare percentuali ma sarebbero a caso perché non ne ho l’esatta idea, che mi sarà riferita da chi di dovere. Totè da 4 deve per forza di cose giocare con Mancio in questo ruolo. Quando chiamato in causa ha contribuito con presenza alla partita. Deve confermarsi anche come presenza difensiva e sarà chiamato a uno dei compiti più difficili contro Hommes e dovrà stare in campo facendo cose impercettibili ma importanti per la squadra. Da parte mia c’è fiducia perché ha già dimostrato di poter fare bene.

Consapevoli nelle difficoltà. Quello che conta nasce dalle difficoltà, dobbiamo essere consapevoli, presenti, nelle difficoltà per dare il meglio di noi. Credo che oggi nessuno possa essere ingeneroso nel valutare le prestazioni dei giocatori che scendono in campo. C’è grande sforzo, desiderio di fare il meglio possibile, io per primo faccio errori, ma le valutazioni bisogna farle con onestà intellettuale e credo che stiamo cercando di mantenere questo flusso senza guardarci intorno e pensare ad altro che ci possa togliere energia per affrontare qualunque impegno. Saremo gli stessi di sabato contro Pesaro.

Quarta gara con 2 americani.  Sicuramente ci sono nostre responsabilità nel break con Pesaro nel secondo quarto, c’è anche da dire che Pesaro ha avuto percentuali di alto livello, in una partita che facendo a specchio il parallelismo con la partita di Reggio, Pesaro ha preso gli stessi tiri con gli stessi spazi sbagliandoli, ma la differenza sta nella percentuale e non nel volume di gioco offensivo degli avversari. In difesa c’è rammarico perché in qualche situazione potevamo essere più feroci per negare il tiro. Molto banalmente 6 punti e due tiri sono arrivati con tabellate… può succedere, ma non deve succedere, che gli avversari siano in fiducia con le percentuali; può succedere, ma non deve succedere, che noi gli regaliamo due tiri evitabili. Giochiamo contro una Cremona che può avere caratteristiche simili e momenti di fuoco nei suoi tiratori. Aggiungo che la cosa che secondo me dobbiamo imparare dalla partita con Pesaro è quanto un possesso possa essere determinante per la vittoria di una partita: un rimbalzo, una palla persa, quanto sia di grande presenza fare un fallo col bonus non ancora raggiunto per non subire un canestro facile alla fine di un quarto. Dobbiamo essere consapevoli di questo, senza dimenticarci che per preparare questa partita abbiamo un giorno e mezzo e quindi lo sforzo deve essere ancora più ampio.

Baldasso, Mancinelli e Cusin. Cusin e Mancio non devono essere condizionati dalla prestazione con Pesaro e confido nella loro esperienza che deve essere una forza in più per bypassare Pesaro. Con Baldasso ho parlato ieri e ho cercato di fargli capire quanto lui attraverso alcune letture più semplici possa esprimere il talento e le qualità che ha.