Il G.M Marino "in Europa c'è mancata l'esperienza ma guardiamo avanti" - di Dario Recchia

Intervista al General Manager della Happy Casa Brindisi Tullio Marino dopo la eliminazione di Champions League
08.04.2021 11:07 di Dario Recchia   Vedi letture
Il G.M  Marino "in Europa c'è mancata l'esperienza ma guardiamo avanti" - di Dario Recchia

La Happy Casa Brindisi esce dalla Champions League dopo la sconfitta in Turchia contro il Pinar Karsiyaka nell’ultima giornata delle top16. Ne abbiamo parlato con il Direttore Generale della società dot. Tullio Marino . Un passaggio del turno che la società brindisina forse avrebbe meritato ma che è stato condizionato dalla sconfitta della scorsa settimana dopo un overtime sul campo degli israeliani dell’Holon.

E’ un enorme dispiacere non aver raggiunto la finale anche se credo che gli incastri del girone con le prime tre partite in casa e le ultime tre fuori non ci abbiano aiutato. La nostra squadra vive di istinto ed abbiamo pagato un po’ la mancanza di esperienza da parte di qualche giocatore e giocare su campi difficili come quello di ieri o quello di Holon non ci ha aiutato. Inoltre affrontare 5 trasferte in 9 giorni ha pesato sulle energie che servivano per match delicati come ieri. Di positivo c’è comunque che il nostro processo di crescita continua e ogni anno facciamo qualcosa in più nonostante un roster spesso con tanti nuovi innesti. E se magari avessimo avuto anche Harrison forse avremmo potuto fare anche qualcosa di diverso”.

A proposito di Harrison, quali sono le sue condizioni e quando potremo rivederlo in campo?

“D’Angelo Harrison è con il gruppo da qualche giorno. Il suo ritorno in campo è vicino. Di sicuro lo staff tecnico lo schiererà quando si sarà sicuri della sua completa guarigione. Rimane il rammarico che se ci fossimo qualificati per le Finaleight di Champions League avremmo potuto vedere all’opera la squadra con tutti e 7 gli stranieri a disposizione mentre, per il campionato, si dovrà optare per il turnover”.

Chiuso il capitolo europeo occhi puntati sul campionato e domenica sfida per il primato contro l’Armani Milano.

All’andata c’era una situazione analoga con noi ad inseguire i milanesi per sole due lunghezze. Ci fa piacere ma sappiamo benissimo che dobbiamo rimanere con i piedi per terra e pensare solamente a vincere quante più partite possibili per arrivare al meglio nella griglia post season. E per nostra fortuna i playoff li abbiamo già in tasca e per noi rimane un altro importante tassello della nostra crescita”.

Play off a porte aperte?

Per le partite che si disputeranno a Roma per l’Europeo 2021 pare che ci saranno un po’ di tifosi che potranno assistere e dovendo disputare i play off scudetto tra maggio e giugno…… Magari, sarebbe bellissimo poter ospitare qualche nostro tifoso e perchè no vendere un pò di biglietti. Quest’anno ci manca 1 milione di euro tra abbonamenti i ticketing ed i sacrifici che stiamo compiendo sono davvero enormi. Sarebbe una vera manna dal cielo!”.

Cosa ne pensa della iniziativa della Associazione Brindisi vola a canestro di una raccolta fondi che è stata mutuata da alcuni tifosi con donazioni anche dall’Australia?

Mi rifaccio alle parole del telecronista di Eurosport Nicolò Trigari che nel corso di una telecronaca ha elogiato il valore della pregevole iniziativa che non è solamente quello economico ma legato all’amore e la passione di una terra intera che con lo sforzo comune di soci, sponsor, tifosi non ci fanno mancare il loro sostegno. E’ qualcosa di speciale e di unico in tutta Italia. E proprio pensando ai nostri tifosi che voglio anticipare che stiamo lavorando ad una iniziativa per i playoff attraverso il coinvolgimento del nostro pubblico. Ma presto faremo sapere a tutti di cosa si tratta!”.

Dario Recchia