A2 Femminile - La Virtus Cagliari si arrende all'E-Work Faenza

23.01.2021 22:29 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
A2 Femminile - La Virtus Cagliari si arrende all'E-Work Faenza

 Ieri sera, durante l’allenamento un problema fisico a Parthena Chrysanthidou e stasera, prima della sfida contro la E-Work Faenza si è fermata per un dolore al ginocchio anche Federica Brunetti. Ma anche senza altre due titolari (all’appello mancano Silvia Favento e Andrea Agostina Ledesma) la Virtus Cagliari ha giocato a viso aperto contro una “grande” del torneo di serie A2 e pur sconfitta  (64-34) è uscita dal campo con l’onore delle armi. E’ toccato a Giada Podda, Martina Zolfanelli, Laura Pellegrini, Anna Lussu e Lucia Savatteri tirare la “carretta”, ben coadiuvate da un gruppo di giovani che ha giocato e fatto tanta esperienza. Dall’altra parte una formazione, quella emiliana, che d’esperienza ne ha da vendere, e che voleva a tutti i costi il successo per avvicinare la vetta della graduatoria e puntare al secondo posto. Come sempre i numeri non sono stati dalla parte delle cagliaritane che, pur creando tanto gioco, in fase conclusiva non sono state perfette. Faenza in totale ha “scritto” alla fine un bel 43% (26 su 60) contro il 26% (15 su 56) delle padrone di casa. Nel tiro da due Simona Ballardini e compagne hanno chiuso con il 50% (21 su 42) contro il 13 su 43 (30%) delle virtussine. Anche nel tiro da tre punti l’ago della bilancia è andato tutto dalla parte di Faenza (5 su 18) con il 27%, contro i 2 su 13 delle cagliaritane (15%) che sono risultate Imprecise al tiro anche dalla lunetta: 2 su 8 (25%), contro il 7 su 15 (46%) delle ospiti. Ai rimbalzi dominio di Faenza con 46 palloni recuperati contro i 32 delle padroni di casa. 

I tiri di Morsiani e Soglia hanno fatto male, ma anche l’esperienza di Ballardini è servita alla formazione allenata da coach Sguaizer per mettere in difficoltà, fin dalle prime battute la compagine allenata da Iris Ferazzoli. Palla a due, qualche minuto e Faenza è già in fuga 11-2 al 4’. La Virtus come sempre corre, lotta, si impegna, crea opportunità, ma quando c’è da concludere la precisione non è delle migliori. Faenza del resto sfrutta nel migliore dei modi la forza fisica e tecnica per allungare pesantemente e andare alla prima sirena sul 21 a 8. La compagine ospite spinge e cerca di andare via, ma la Virtus non rimane a guardare e cerca di rimane in partita grazie alle iniziative di Zolfanelli (31-17). Nel finale di tempo Faenza sfrutta qualche disattenzione difensiva delle padrone di casa per andare ulteriormente avanti e chiudere al riposo lungo sul 40-17. Si rientra con la Virtus per prova a mettere in crisi la compagine ospite rosicchiando punti (44-22) ma niente di più. La squadra ospite non si distrare e pur faticando riesce a tenere il vantaggio (49-26 al 30’). Negli ultimi 10’ il tecnico argentino mette in campo le giovani della panchina (classe 2001, 2002 e 2005). Faenza rallenta il ritmo, amministra e incassa i due punti. 

Virtus Cagliari: Savatteri 6, Zolfanelli 18, Lussu 2, Podda 2, Pellegrini Bettoli, Lai, Pala, Chrysanthidou, Brunetti, Pilleri 6, Salvemme, Conte. Allenatore: Ferazzoli. Assistente: Calandrelli. 
E-Work Faenza: Franceschelli 2, Schwienbacher 4, Morsiani 19, Soglia 13, Porcu 7, Sangiorgi 4, Ballardini 9, Meschi 3, Cappellotto 1, Brunelli 2. Allenatore:Sguaizer. Assistente: Bassi.

Arbitri: Pietro Rodia e Giovanni Roca di Avellino.

Parziali: 21-8; 9-19; 9-9; 8-15.

Tiri totali: Virtus 15 su 56 (26%); Faenza 26 su 60 (43%);

Tiri da due: Virtus 13 su 43 (30%); 21 su 42 (50%); 

Tiri da tre: Virtus 2 su 13 (15%); Faenza 5 su 18 (27%);

Tiri liberi: Virtus 2 su 8 (25%); Faenza 7 su 15 (46%);

Rimbalzi: Virtus 32; Faenza 46.

Anna Lussu – playmaker Virtus Cagliari

“Non stiamo attraversando un periodo fortunato -ammette Anna Lussu - . Le condizioni fisiche di molte mie compagne non sono certo al top in questo momento. Nel giro di poche ore si è infortunata un’altra lunga e anche Federica Brunetti stasera è rimasta precauzionalmente in panchina a causa di un problema al ginocchio. Poi considerata anche l’assenza di Favento e Ledesma stiamo lavorando a ranghi ridotti. Nonostante questo problema dovuto alle assenze, in settimana lavoriamo tantissimo, ma purtroppo l’impegno non basta e non riusciamo a trovare la via della vittoria. Per quanto riguarda la sfida contro Faenza credo che, a parte la sconfitta e le assenze, la Virtus ha giocato una buona partita, nella quale molte giovani hanno fatto tantissima esperienza, in considerazione del fatto che affrontavamo una “signora” squadra ricca di elementi di valore. Ma nonostante tutto le nostre giovani hanno dato il massimo lottando a viso aperto contro delle grandi avversarie. Ragazze importanti per la squadra e che lavorano tantissimo con la squadra durante tutta la settimana, migliorando di giornata in giornata”.