Eurocup: la Juvecaserta domina a Istanbul e vola ai quarti

22.02.2011 23:06 di Matteo Marrello  articolo letto 1054 volte
Fonte: www.casertace.biz
Eurocup: la Juvecaserta domina a Istanbul e vola ai quarti

Dopo aver messo al tappeto Siena, la Pepsi Caserta vince a Istanbul giocando da grande e guadagnandosi il pass per i quarti di finale di Eurocup con un turno di anticipo (nell'altra sfida l'Estudiantes suda per battere la cenerentola Nymburk). Era temutissima la trasferta col Galatasaray che all'andata aveva dato filo da torcere al Palamaggiò e la squadra bianconera sembrava andare incontro alle pene dell'inferno in un palazzetto caldissimo. Niente di tutto questo perché l'Ayhan Sahenk Sports Hall è piccolo e oltretutto deserto anche se i pochi sugli spalti cercano di scaldare i cuori dei giallorossi. La gara però dura sei minuti quando sette punti dello scatenato Eric Williams (top scorer con 13) danno il via a un parziale di 9-0 che lancia i bianconeri nel primo quarto. La seconda frazione è ancora più devastante, Caserta infatti si impone 19-6 e chiude già praticamente all'intervallo il discorso qualificazione. I turchi non segnano mai, soffocati da una zona messa in campo ad arte e la Pepsi scatta doppiando (28-14) gli avversari già al 12'. Una tripla di Colussi e due di Koszarek (ottima prestazione come con Siena) fanno volare definitivamente gli ospiti. La Juve maramaldeggia, Sacripanti si permette di tenere Jones più a riposo e dopo 20 minuti il tabellone dice 41-20. Il momento di difficoltà della partita arriva però a inizio ripresa. Caserta è squadra che fa ma subisce anche parziali come quello di 13-0 che in 4 minuti spaventa un po' tutti i tifosi incollati davanti a Eurosport 2. Il Galatasaray arriva fino al meno 6 (42-36) con Johnson, poi ancora con un ottimo lavoro di Williams e Doornekamp la Pepsi riprende vita e si riporta sopra la doppia cifra di vantaggio chiudendo il terzo periodo sul 52-40. I padroni di casa non sembrano onestamente crederci molto nemmeno nell'ultimo periodo, tanta confusione e sparacchiamento in attacco. Alla Juve basta tenere d'occhio cronometro e punteggio mentre l'intesa Williams-Jones sotto canestro conduce la squadra verso i due punti che significano qualificazione certa. Finisce 64-54, l'ultima giornata servirà a decretare solo la vincente del girone K e il prossimo avversario che la Pepsi affronterà nei quarti in un doppio confronto. Non sarà l'Eurolega, ma resta un risultato storico che riporta il basket e la città davvero indietro di oltre vent'anni (finale Korac '86 contro Roma e Coppa delle Coppe '89 contro il Real Madrid). Alfonso Norelli