MERCATO EL - Dopo Okobo, l'AS Monaco prende dall'Asvel Strazel

MERCATO EL - Dopo Okobo, l'AS Monaco prende dall'Asvel Strazel

L'AS Monaco è lieta di annunciare l'ingaggio per le prossime tre stagioni del regista Matthew Strazel (1,82 m, 19 anni), dall'Asvel dove ha appena vinto il titolo di campione di Francia contro il Roca Team al termine della suspense di una gara 5. Quello che aveva una media di 5,8 punti e 2,6 assist in campionato, contro 3,4 punti e 1,4 assist in Eurolega doveva originariamente apparire per il draft NBA 2022 lo scorso giugno, prima di ritirare definitivamente il suo nome. La capolista monegasca ha fiutato il tiro giusto per ricoprire la speranza del nazionale francese che attualmente sta giocando l'Euro U20 nel quarto di finale contro la Lituania.

Attualmente in Montenegro a Podgorica, Matthew Strazel è un leader della sua selezione. Completa la linea di fondo già composta da Mike James, Elie Okobo e Jordan Loyd. Abile dietro l'arco e capace di prendere fuoco in un grande giorno, il nativo di Bourg-la-Reine negli Hauts-de-Seine porterà le sue qualità di grande difensore. Lo ha già dimostrato in passato, non esitando a prendere per la gola i vertici di Eurolega.

Benvenuto a Matthew Strazel, nuovo giocatore dell'AS Monaco! 

Ti abbiamo visto commosso molto durante la partita 5… Ci racconti queste emozioni?

Ero abbastanza emozionato dopo la partita, nel senso che è stata una grande ricompensa per tutta la squadra per tutto il lavoro svolto. Abbiamo passato un periodo difficile in questa stagione con infortuni, dubbi. Siamo stati in grado di affrontare tutti questi pericoli per arrivare alla fine del campionato. Sapere che sei al sicuro quando suona il cicalino, è un po' di tutta quella pressione che cade all'improvviso.

È la serie più intensa a cui hai giocato?

Questa è senza dubbio la serie più combattuta che abbia mai giocato. L'anno scorso eravamo campioni, ma in un formato complicato perché era una partita. Per i miei primi veri playoff, è stata una serie di estrema intensità tra due squadre che non hanno mai voluto mollare.

Secondo te, cosa è stato giocato con questo match 5 in tutti i ricordi?

È difficile dirlo francamente, perché è davvero inutile. Ci sono 2-2 nella serie, è la famosa partita decisiva 5. Anche il destino di questa finale per vedere chi vincerà lo scudetto si gioca ai tempi supplementari. Dopo voglio dire che forse sono alcuni piccoli dettagli a far pendere la bilancia. Importante anche il vantaggio del campo con il pubblico alle spalle. Il talento di alcuni ragazzi come Elie Okobo e William Howard è stato fondamentale a fine partita.

Si può parlare di rivalità tra Monaco e Asvel? 

Tra Monaco e Asvel, in particolare, sento che c'è una vera rivalità per gli spettatori e per le persone intorno perché sono le due più grandi squadre francesi che giocano in Eurolega. Noi quando giochiamo uno contro l'altro, c'è questa rivalità perché ci incontriamo spesso durante una stagione. Ma non sento nessuna cattiva intenzione, tutto è nel rispetto.

Perché hai scelto di unirti a Monaco?

Vado a nuovi orizzonti andando a Monaco. Mi pongo altri obiettivi, cerco di portare in campo tutto quello che posso dare. E fai di tutto per vincere il titolo, questa volta con il Roca Team. Voglio continuare a fare esperienza. Scoprire una nuova squadra con più ambizioni in Eurolega, non può che forgiarmi un po' di più.

Troverai Elie, ne hai discusso con lui?

L'ho chiamato ieri. Ho cercato di fargli indovinare dove avevo firmato, non lo sapeva davvero. Allora gli dico: "Dove vai? ". Lui risponde: "Beh, io vado a Monaco". Allora gli ho detto che anch'io stavo andando a Monaco. All'inizio non riusciva a crederci. Dopo averne parlato più seriamente, abbiamo discusso della rosa attuale. Ci siamo resi conto che c'era davvero qualcosa da fare, con una forza lavoro ben calibrata.

In testa e dietro ci saranno delle persone molto simpatiche. Come vede questo reclutamento?

Ho visto la forza lavoro e francamente sì, è pesante. Sono sempre stato dietro i grandi leader nella mia carriera perché ho sempre giocato l'Eurolega. Lì, ci sono ragazzi come Mike James, Elie Okobo e Jordan Loyd che sono di fronte a me. Sto esagerando, ma forse parlo dei tre migliori difensori dell'Eurolega. Sarà sicuramente gratificante lavorare con ragazzi del genere in allenamento. Possiamo essere complementari. So che sono molto bravi in ​​attacco. Porterò nel settore difensivo, mantenendo questa forza in attacco.

Monaco in Eurolega, cosa ne pensi?

Abbiamo seguito il corso di Monaco in Eurolega. Come contro di noi in finale, è una partita a 5 in cui l'Olympiakos esce in testa. È davvero inutile. Già riuscire a qualificarsi ai playoff di Eurolega durante la sua prima partecipazione è qualcosa che non abbiamo mai visto. E per una squadra francese è ancora più forte. Anche se con Asvel siamo stati eliminati dalla competizione, speravamo che il Monaco andasse il più lontano possibile.

Le tue prime parole con Sasa Obradovic?

Ho potuto parlare un po' con lui, sembra davvero una brava persona. Abbiamo parlato di cosa mi aspettavo e di cosa si aspettava da me. È davvero un bravo ragazzo al telefono. Abbiamo anche parlato del fatto che può arrabbiarsi velocemente in campo (ride). Mi ha detto che non dovevo preoccuparmi, che anche lui ci stava lavorando. In ogni caso, è per far lavorare i giocatori. Dimostra di essere lì per la sua gente, dentro e fuori dal campo, se necessario.

Mirko Ocokoljic, l'assistente di Sasa, l'hai conosciuto ad Asvel...

Ho dei bei ricordi con Mirko all'Asvel. È una persona molto piacevole con cui lavorare. So che ha dato un buon feedback su di me allo staff e ai dirigenti monegaschi. Mi rende felice ritrovarlo, so come lavora e penso che il fatto che sia lì mi aiuterà a integrarmi pienamente.

Quali saranno le tue ambizioni?

Come ho detto nel corso di questa intervista, voglio confermare continuando a confrontarmi con i migliori giocatori europei. Andare ancora più in là della stagione precedente con un titolo di campione di Francia, e provare ad impiccare una Final Four in Eurolega. In ogni caso, penso che ci siano le armi per farlo.