NBA - Il Coronavirus imperversa a Orlando e in Florida, ripresa a rischio

20.06.2020 11:51 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Il Coronavirus imperversa a Orlando e in Florida, ripresa a rischio

In tutto il Sud degli Stati Uniti, dal Texas alla Florida, complici anche le improvvide riaperture della mobilità suggerite ai governatori repubblicani da Trump che vede in pericolo la rielezione alle prossime votazioni presidenziali di novembre, imperversa il Covid-19.

Le autorità parlano di una seconda recrudescenza, mentre il super esperto - spesso ignorato da Trump - Anthony Fauci suggerisce che la fase 1 negli USA non sia mai terminata.

Questo venerdì, lo stato della Florida ha registrato oltre 3.800 nuovi casi positivi di Covid-19. Replicando in peggio i 3.000 casi del giorno prima: dall'inizio della pandemia non era mai successo un'intensità simile.

La situazione nella Contea di Orange (1,3 milioni di abitanti), dove si trova la città di Orlando, è particolarmente discutibile. All'inizio di giugno, circa 3.000 persone di quest'area sono state testate con un tasso di casi positivi solo del 2%. Due settimane dopo, questo tasso è salito al 15% quando il numero di persone testate è divenuto comparabile.

Cattive notizie sono arrivate dal Major League Baseball in cui almeno una dozzina di giocatori e personale, inclusi cinque giocatori dei Philadelphia Phillies, si sono appena dimostrati positivi. Di conseguenza, la lega ha deciso di chiudere immediatamente questi campi di addestramento in Florida e in Arizona. Da parte sua, l'NHL ha annunciato che sono stati infettati anche 11 giocatori su un gruppo di 200.

Per fortuna, la NBA ha previsto un isolamento totale di tutti i partecipanti alla spedizione al Disney World. Michele Roberts, a capo del sindacato NBPA, ha detto: "La mia soddisfazione è che i nostri giocatori non gireranno per la città di Orlando. Saranno controllati ininterrottamente e rimarranno essenzialmente nel campus per la durata del loro soggiorno fino alla fine della stagione. "