LBF A1 Techfind Mercato: l'Umana Reyer Venezia ufficializza Matilde Villa

Dopo due mesi di trattative il trasferimento dell'anno è andato in porto e il "fenomeno" del nostro basket giocherà in laguna
17.06.2022 16:44 di Eduardo Lubrano Twitter:    vedi letture
LBF A1 Techfind Mercato: l'Umana Reyer Venezia ufficializza Matilde Villa

E' fatta, il rebus della primavera e di questo anticipo d'estate è stato il risolto: l’Umana Reyer Venezia comunica con piacere il raggiungimento dell’accordo pluriennale con la cestista Matilde Villa, nata a Lissone il 9 dicembre 2004. Villa, playmaker di 172 cm, è cresciuta nelle giovanili di Costa Masnaga, con cui ha esordito in prima squadra, in A1, ad appena 14 anni, e l’anno successivo ha totalizzando 17 presenze sempre nella massima serie, a 8,2 punti, 2,4 rimbalzi e 1,7 assist di media per gara.

Ho tanto entusiasmo per questa nuova esperienza – le prime parole da orogranata di Matilde Villa – sono molto emozionata e ringrazio la Reyer Venezia per questa opportunità. Sarà la prima volta che gioco lontano da casa e con una società importante come la Reyer. Il Club orogranata è una delle big della Serie A e ogni volta che l’ho affrontato da avversaria mi ha dato la sensazione di solidità e compattezza, come la squadra in campo. Mi metterò a disposizione del gruppo e ho tanta voglia di imparare e migliorare. Colgo inoltre l’occasione per ringraziare tutta la società di Costa Masnaga che mi ha fatto crescere. Non vedo l’ora di iniziare, ci vediamo presto a Venezia!”.

Ora Matilde è chiamata ad un'estate di grande fatica ed importanza: è già in raduno con la Nazionale Under 20 allenata dal suo prossimo coach di club, Andrea Mazzon, per gli Europei di categoria, sarà chiamata probabilmente per gli Europei Under 18 che sarebbe la sua categoria reale essendo lei del 2004. Poi avrà un pò di tempo per riposare e subito sotto con Venezia. L'importante è che chi la cura lo faccia con attenzione e giudizio, perchè è vero che è giovane ma per questo ancora inesperta e non in grado di gestirsi. S vogliamo che Matilde diventi veramente una giocatrice leader del nostro movimento, bisogna che tutti ci prendiamo cura di lei, ognuno per quel che gli compete.