NBA - Come i Lakers hanno appreso della morte di Kobe Bryant

25.02.2020 20:03 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Come i Lakers hanno appreso della morte di Kobe Bryant

Al termine di un viaggio di 10 giorni con 5 partite giocate, dopo la sconfitta a Philadelphia i Lakers si imbarcano sull' aereo che li riporterà a casa. In un articolo pubblicato su ESPN, ecco il racconto di come hanno saputo della morte di Kobe Bryant.

In volo, Frank Vogel viene avvicinato da Alison Bogli, responsabile della comunicazione per il franchising. Ha appena visto tra le notizie sul suo telefono, quella che annuncia la morte di Kobe Bryant. Difficile da credere al momento per l'allenatore. "Non è vero, non è possibile" pensa poi, aspettandosi di venire a sapere che si tratta di un "errore" .

Alison Bogli va a controllare l'informazione scrivendo ai membri dei Lakers che sono in California per ottenere informazioni, persino una conferma. Non c'è voluto ovviamente molto tempo prima che Jeanie Buss, proprietaria del franchising, gli rispondesse annunciando che Kobe Bryant era davvero morto.

“Sentivo istintivamente come allenatore e dirigente, dato che era verificato al 100%, che i giocatori avrebbero dovuto sapere la notizia da me. Subito" ha spiegato Frank Vogel. “È stato terribile prendere ogni giocatore individualmente e far sapere loro la notizia."

Alcuni giocatori ovviamente dormono, ma non Anthony Davis. "Non riesco a dormire sugli aerei, guardo il mio iPad", ha confessato. Lascia da parte il telefono e nota semplicemente le notifiche. È allora che incontra gli occhi di Dwight Howard e DeMarcus Cousins, che fanno grandi gesti.

"Mi sono tolto le cuffie e Dwight ha detto: Kobe è morto", ricorda l'All-Star. "E siccome Bryant era invincibile, gli ho risposto:" Kobe, chi? " Non riusco a pensare a Kobe Bryant. Non capisco di chi stessero parlando. Quando hanno risposto che era Bryant, ho capito di aver bisogno di dettagli. Poi ho iniziato a svegliare LeBron. Tutti stanno cercando di andare online per saperne di più."

Mentre nell'aereo si inizia gradualmente a capire cosa sta succedendo, LeBron James sta dormendo. L'ala dei Lakers aveva comunicato con Kobe Bryant al telefono poche ore prima dopo averlo superato nella classifica dei migliori marcatori della storia della NBA nella sua città di Filadelfia.

"Ricordo la prima cosa che LeBron mi ha detto: 'Smetti di scherzare con me'", dice Anthony Davis . "Sto cercando di connettermi a Internet, Dwight sta iniziando a piangere. Ha quindi capito che era la verità. Tutti stanno piangendo. Siamo tutti scioccati."

Preso dall'emozione, LeBron James improvvisa una preghiera collettiva. "E' stato necessario incontrarsi. A volte chiediamo a Dio, ci chiediamo perché faccia certe scelte, ma non fa errori. Abbiamo voluto che si prendesse cura di Vanessa Bryant e dei bambini, per vegliare su di noi. Non ci ho pensato davvero, è una cosa che è venuta da sola e ho fatto la mia parte. "

Dopo una fine del volo in "silenzio soffocante" , i giocatori hanno un solo desiderio, racconta Anthony Davis, quello di "uscire dall'aereo e stare con le nostre famiglie, tornare a casa".