EuroLeague - Jordi Bertomeu difende il sistema di reclutamento dei club

13.10.2019 10:20 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroLeague - Jordi Bertomeu difende il sistema di reclutamento dei club

Intervenendo alla prima gara in questo secolo dello Zenit St. Pietroburgo in casa nella EuroLeague, Jordi Bertomeu ha spiegato alla stampa la validità del sistema di reclutamento delle squadre per la competizione, che si fonda sulle licenze pluriennali di club storici e sulle wild card assegnate di volta in volta a club emergenti.

Capacità in tutti i sensi. Perché non si tratta solo di vincere. Si tratta di avere club con una buona struttura, con buone arene, in grado di generare risorse economiche e con la capacità di avere 10.000 o 12.000 spettatori nell'arena. 

Zenit St. Pietroburgo.  Uno dei motivi per cui abbiamo scelto San Pietroburgo, tra gli altri, è perché sapevamo che una delle squadre più forti in termini di partecipazione, attrazione dei fan, è lo Zenit. Per noi questo è fondamentale. Probabilmente molto più che se il CSKA vince, o il Fenerbahce perde, o il Real vince o il Panathinaikos perde. Questo non è così importante come avere team di professionisti.

Licenze. Non abbiamo in programma di consegnare nuove licenze nei prossimi anni. Non abbiamo questo piano. Abbiamo una situazione di transizione con l'ASVEL e il Bayern. E alla fine di questi due anni che abbiamo dato loro di jolly, vedremo se otterranno una licenza. 

VTB-League. Lo Zenit ha una porta aperta per l'EuroLeague attraverso la VTB League, perché la squadra campione o il secondo classificato della VTB League, ovviamente, hanno un posto garantito nell'EuroLeague, come è sempre stato.