Addio Kobe. Rob Pelinka racconta l'ultimo sms di Bryant dall'elicottero della morte

25.02.2020 00:04 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Addio Kobe. Rob Pelinka racconta l'ultimo sms di Bryant dall'elicottero della morte

Un momento difficile e toccante nella celebrazione di ieri sera allo Staples Center della morte di Kobe Bryant è venuto da Rob Pelinka, che ha raccontato ai presenti l'ultimo sms ricevuto da Black Mamba, mentre era in volo nell'elicottero fatale il 26 gennaio.

“Ero in chiesa alla funzione domenicale con la mia famiglia. Il mio telefono era in fondo alla tasca dei miei jeans quando ho sentito il familiare ronzio del testo.

“Per un secondo ho ignorato la notifica, perché ero in chiesa. Ma per qualche motivo, ho sentito l'improvviso bisogno di controllare il mio telefono.

“L'ho sfilato dai miei jeans e ho scoperto che il testo era di Kobe. Non c'era nulla di insolito o sconosciuto in questo.

“Negli ultimi due decenni, Kobe e io abbiamo parlato o inviato messaggi ogni singolo giorno, perché è quello che fanno i migliori amici.

“In quel momento, il mio istinto era di mettere giù il telefono e tornare al sermone del predicatore. Ma una gentile spinta ultraterrena mi ha costretto a leggere il testo; così ho fatto.

“Ho visto rapidamente che Kobe mi stava chiedendo se mi fosse capitato di conoscere un certo agente di baseball con sede nel sud della California.

“Dato che il messaggio di Kobe non aveva alcuna urgenza, ho deciso di aspettare fino a dopo che la funzione si concludesse.

“Ma poi di nuovo, c'è stata una leggera spinta. Ho preso il mio telefono e ho risposto a Kobe che avevo visto l'agente di baseball in una partita dei Lakers proprio l'altra sera, e sarei stato felice di aiutarlo con tutto ciò che voleva.

“Ormai erano passate le 9.30. Kobe ha risposto al mio messaggio spiegando il suo desiderio di aiutare un suo amico a ottenere uno stage da un'agenzia di baseball per una delle sue giovani figlie.

“Kobe ha garantito il carattere, l'intelletto e l'etica del lavoro della ragazza. Voleva chiaramente difendere un futuro radioso per lei.

“Ho scritto a Kobe subito e ho detto che avrei messo in atto un piano per farlo.

“Una manciata di minuti dopo, Kobe e Gianna e altre sette bellissime anime sono salite in cielo.

“Kobe mi aveva mandato un sms dall'elicottero. La ragazza di quella catena di testo che voleva aiutare così tanto era Lexi Altobelli, la figlia sopravvissuta del coach John Altobelli, che era anche lui sull'elicottero.

“L'ultimo atto umano di Kobe è stato eroico. Voleva usare la sua notorietà per benedire e modellare il futuro di una ragazza.

"Kobe non l'ha fatto per tutti noi?"