Focus F8: Napoli è tutto vero, la Coppa Italia è tua

La Generazione Vincente Napoli conquista il successo in finale contro l'Olimpia Milano e si aggiudica la Frecciarossa F8 2024
19.02.2024 13:00 di Lorenzo Lubrano   vedi letture
Fonte: Foto di Savino Paolella
Focus F8: Napoli è tutto vero, la Coppa Italia è tua

Alla Inalpi Arena di Torino è la GeVi Napoli a conquistare la Frecciarossa F8 2024. I campani superano l’Olimpia Milano con il punteggio trascinati da Tyler Ennis, Jacob Pullen e Michal Sokolowski

Il trio di Napoli - Dopo aver eliminato nei quarti di finale la Germani Brescia e poi in semifinale l’UNAHOTELS Reggio Emilia, la GeVi Napoli ha beffato l’EA7 Olimpia Milano e ha conquistato così la Coppa Italia a 18 anni di distanza dall’ultima vinta nel 2006. Per battere la compagine meneghina ci voleva una partita perfetta e Napoli l’ha disputata. Tyler Ennis è stato un vero e proprio fatto. Il numero 2 dei partenopei ha concluso con 21 punti e 26 di valutazione. Oltre a lui ci sono i 14 di Pullen che ha segnato la tripla più importante della gara, quella del 71-73 che ha ridato il vantaggio ai suoi dopo la tripla messa a segno da Shavon Shields. Ultimo, ma non certo meno importante Sokolwski. Il polacco termina con 13 punti, portandosi a casa anche il titolo di MVP della manifestazione.

Non bastano Melli e Mirotic - In una serata non brillante per Shavon Shields sono Nicolò Melli e Nikola Mirotic a prendersi la squadra sulle spalle. Il capitano milanese ha lottato fino alla fine e se l’Olimpia è riuscita a rientrare lo deve proprio grazie a Melli. L’ala biancorossa ha chiuso con 20 punti, 8 rimbalzi e 24 di valutazione. Nikola Mirotic di partite come queste ne ha giocate tante e quindi sa perfettamente come si giocano. 19 punti con l’80% da 2, il 50% da 3, il 100% dalla lunetta. Il numero 33 durante il corso della gara segna canestri importanti che però non bastano per conquistare il trofeo.

Olimpia Milano, ma cosa è successo - I campioni d’Italia erano arrivati a Torino con un solo obiettivo: riportare il trofeo in bacheca dopo l’eliminazione dello scorso anno al primo turno contro Brescia che poi alzò il trofeo. Nelle prime due gare vinte contro Trento e Venezia, Milano aveva mostrato grande determinazione. Oltre alla solida difesa che è sempre stato il marchio di fabbrica, anche in attacco si erano viste cose molto positive. Invece, nella partita di ieri si sono viste diversi errori difensivi ed in attacco non c’è stata la stessa fluidità delle prime due gare. Come dichiarato da coach Messina: “Abbiamo scelto il giorno sbagliato per fare passi indietro importanti nella qualità del gioco”. Dopo la Supercoppa, anche la Coppa Italia è sfumata. Ora dopo la sosta, l’Olimpia Milano dovrà avere una reazione e pensare a chiudere la stagione in maniera positiva.