NBA - Celtics, Paul Pierce descrive la sua paranoia con pistola in tasca

21.03.2020 14:54 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Celtics, Paul Pierce descrive la sua paranoia con pistola in tasca

Il 25 settembre 2000, Paul Pierce fu pugnalato 11 volte e gli ruppero una bottiglia in testa mentre era al Buzz Club di Boston. Soffrì anche per un polmone collassato e fu portato di corsa in ospedale dove alla fine si è ripreso dalle lesioni.

In qualche modo, grazie a una eccezionale forza di volontà, riuscì a riprendersi in modo da poter giocare tutte le 82 partite dei Celtics nella stagione 2000-01, ma il problema più grosso fu affrontare una grave paranoia all'indomani dell'aggressione.

Pierce ha dettagliato le sue difficoltà nel "All The Smoke Podcast" con Matt Barnes e Stephen Jackson.

"La gente non lo sa, ma in realtà ho portato una pistola in tasca per due anni subito dopo", ha detto Pierce. "Ero così paranoico. Non potevo stare tra la gente. Quando ti succede qualcosa del genere è traumatico. Era così brutto che non riuscivo nemmeno a dormire, e la polizia vigilava sulla mia casa 24 ore su 24."

Nonostante tutto ciò, Pierce giocò ogni incontro dei Celtics tenendo una media di 25,3 punti, 6,4 rimbalzi, 3,1 assist e 1,7 palle rubate per partita.