Virtus Bologna batte Patrasso ritrovando se stessa e il Paladozza

12.12.2019 15:41 di Davide Trebbi Twitter:    Vedi letture
Virtus Bologna batte Patrasso ritrovando se stessa e il Paladozza

L’aria del Paladozza fa bene alla Virtus Bologna che riprende con una vittoria contro Patrasso il suo cammino in Eurocup. Due punti che non bastano per comandare il girone A perché dovrà difendere il +2 anche contro il Monaco per finir in Top16 da capolista e sfidando avversari sulla carta più deboli.

Gran bell’avvio complice una Patrasso disordinata in attacco, incapace di trovar spazi per la specialità della casa: la bomba. Così la Segafredo approfittando dell’addio di Bogris diretto verso la calda Tenerife, prende possesso dell’area e tenta la fuga.

I greci decidono di cambiar strategia in difesa, vista l’idea d’impensierire i palleggiatori bianconeri non ha portato a chissà che vantaggio e prendono coraggio in attacco con triple molto estemporanee ma decisive al punto di condurre la gara inspiegabilmente. 

Coach Djordjevic dopo alcune defiance tattiche cambia anche lui e affamato di questo vantaggio nel colorato decide di dar un'altra chance a Delia. L’argentino risponde presente perché sarà un fattore difensivo (facendo passare i compagni contro i blocchi avversari) e offensivo dando un riferimento sotto canestro contro i giocatori riadattati da coach Giatras. Così la Segafredo nonostante altre bombe occasionali, macina ogni attacco punti, fino alla resa greca ancor a partita in corsa e differenza canestri in cascina.

Menzione d’onore anche a Baldi Rossi e Pajola inseriti in un contesto finalmente più profondo: una maggior fiducia del collettivo può esser molto d’aiuto per il futuro, Djordjevic deve osar di più e ieri sera c’è riuscito al di là del risultato finale.