NBA - Belinelli vince a Los Angeles. Gallinari sconfitto ad Oklahoma

18.04.2011 10:09 di Matteo Cardinali  articolo letto 1116 volte
NBA - Belinelli vince a Los Angeles. Gallinari sconfitto ad Oklahoma

E’ cominciato alla grande il primo turno dei playoff NBA con 3 vittorie esterne su 8 partite e dove la differenza l’hanno fatta microscopici episodi, a testimonianza di un equilibrio tra le 16 squadre che forse nessuno si immaginava fino a 2-3 settimane fa.
Risultati:
WESTERN CONFERENCE
SPURS (1) 98 - GRIZZLIES (8) 101.
LAKERS (2) 100 - HORNETS (7) 109.
MAVERICKS (3) 89 - BLAZERS (6) 81.
THUNDER (4) 107 - NUGGETS (5) 103.

EASTERN CONFERENCE
BULLS (1) 104 - PACERS (8) 99.
HEAT (2) 97 - SIXERS (7) 89.
CELTICS (3) 87 - KNICKS (6) 85.
MAGIC (4) 93 - HAWKS (5) 103.

San Antonio, Orlando e Los Angeles perdono in casa mentre tutte le altre big faticano oltre il previsto. Basta dare un’occhiata alle statistiche dove si evidenzia che la differenze tra i punti di media fatti e quelli subiti è poco più di 6: 797 punti delle squadre che hanno vinto (mp 99,625) contro i 748 punti di chi ha perso (mp 93,500) e ciò vuol dire che ogni partita sarà una battaglia all’ultimo sangue.
A Los Angeles è il folletto Chris Paul a dare spettacolo con 33 punti , 14 assist e 4 recuperi mentre Belinelli segna 10 punti in 30 minuti di gioco. Bryant solito mattatore giallo-viola (34 punti) ma è troppo solo.
A San Antonio i Grizzlies non hanno avuto rispetto per gli Spurs di un Duncan con pelata in versione da combattimento (16 punti e 13 rimbalzi) e con Parker (20 punti) orfano di Ginobili. Zach Randolph in double-doppia con 25 punti e 14 punti ma anche Conley non è da meno con 15 punti e 10 assist.
Esordio invece con sconfitta per Danilo Gallinari (18 punti 4 rimbalzi) con i suoi Nuggets ad Oklahoma City dove Durant e Westbrook mettono a segno rispettivamente 41 e 31 punti ma Denver è una squadra tosta e lo vedremo nelle prossime gare.
A Dallas distribuiscono gerovital a iosa ed infatti il nonnetto Jason Kidd tira fuori 24 punti conditi da 5 rimbalzi e 4 assist che spingono i Mavericks alla vittoria contro Portland. Nowitzki 28 punti e 10 rimbalzi. Aldridge 27 punti, Camby 18 rimbalzi.
I Bulls hanno Rose (39 punti) e basta questo per spiegare il 10 a 0 negli ultimi 2 minuti di gioco che ha permesso alla squadra di Chicago di superare con difficoltà i Pacers. Double-doppie per Noah (10 punti, 11 rimbalzi) e Deng (18 punti, 10 rimbalzi).
Bosh si presenta con 25 punti e 12 rimbalzi per dare il suo contributo alla vittoria di Miami ai danni di Philadelphia. James 21 punti , 14 rimbalzi e 5 assist. Wade 17.
Per i Sixers ci sono i 20 punti di Young e i 19 di Holiday. Brand 17.
Ray Allen (24 punti) tira fuori dal cilindro una bomba siderale a 11” dalla fine e i Celtics piegano con estrema difficoltà i Knicks. Garnett i double-doppia con 15 punti e 13 rimbalzi mentre Rondo va vicinissimo ad una tripla-doppia con 10 punti, 9 rimbalzi e 9 assist.
Anthony (15 punti) spreca il tiro della vittoria sparando da 10 metri. Monumentale Stoudemire con 28 punti e 11 rimbalzi.
Se superman Dwight Howard giocasse da solo vincerebbe con chiunque: 46 punti e 19 rimbalzi non sono stati sufficienti per spingere Orlando (Nelson 27) alla vittoria contro gli Hawks di Johnson (25) e Crawford (23).

cardinali@hotmail.it