Il vicepresidente vicario Laguardia: "La FIP guarda già avanti"

03.04.2020 09:40 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Il vicepresidente vicario Laguardia: "La FIP guarda già avanti"

Il vicepresidente vicario della Federazione italiana pallacanestro Gaetano Laguardia, intervistato da Giuseppe Sciascia per La Prealpina, spiega come nell'attuale stallo dello sport in generale a causa della pandemia del Coronavirus, il presidente Gianni Petrucci stia già guardando avanti, alla ripartenza della prossima stagione.

Stop. La B è stata neutralizzata nella giornata di ieri; per serie A e A2 aspettiamo indicazioni da Lega Basket e LNP,  ma il presidente Petrucci ha chiesto  di avere risposte in tempi rapidi, possibilmente prima di Pasqua, per una decisione definitiva.

And go. Stiamo lavorando per presentare delle novità già nel consiglio federale del 15 aprile.  Il presidente Petrucci sta raccogliendo suggerimenti e  informazioni da consiglieri, comitati regionali e leghe e proporrà qualche iniziativa concreta in favore delle società. Chiaro che non potremo azzerare tasse gara e parametri, né al contrario raddoppiare i NAS per la serie A: senza attività estiva delle Nazionali la FIP avrà meno risorse dagli sponsor e anche noi  stiamo valutando le ricadute economiche dell'emergenza. Nel limite delle possibilità concesse da un bilancio che sarà anch'esso in sofferenza, vogliamo dare un segnale concreto di vicinanza ai club e cercare di far circolare un po'di entusiasmo.

Format serie A. Dipenderà tutto dal numero di squadre che si iscriveranno. Sulla serie A non posso pronunciarmi perché sarà una decisione  congiunta, diciamo comunque che l'obiettivo è quello di proporre un numero pari con la preferenza a quota 16. Certo, se tutte e 17 le aventi diritto si  iscrivessero con  i requisiti giusti non potremmo respingere nessuno, in ogni caso i ripescaggi saranno effettuati solo se funzionali al completamento  degli organici.

Per gli altri campionati. A partire da quelli nazionali di A2 e B, ci piacerebbe fissare un termine anticipato, diciamo attorno al 30 maggio nel quale esprimere un'indicazione su quale campionato si vuole disputare senza però formalizzare l'iscrizione. In generale il format dei campionati sarà definito soltanto dopo la chiusura delle iscrizioni e in funzione del numero di partecipanti; stiamo studiando le modalità per concedere massima  flessibilità, al momento però è molto difficile fare calcoli.