Perchè la Trogylos Priolo non è iscritta in A1

Un vero terremoto nella società sicilana. La dirigenza fa quadrato, ma persone vicine alla società spiegano i retroscena che hanno portato alla mancata iscrizione della Trogylos in A1
09.07.2014 18:11 di Chiara Borzi Twitter:   articolo letto 4110 volte
Fonte: Chiara Borzì
Santino Coppa
Santino Coppa

E’ notizia di oggi l’esclusione della Trogylos Priolo dal prossimo campionato di A1 femminile. Dopo 28 anni sembra giungere così al capolinea la storia della storica formazione siciliana, società che già nelle ultime tre stagioni è stata abituare ad “andare a nozze con i fichi secchi”, così come era solito affermareallenatore Santino Coppa.

Stante a quanto dichiarato da persone vicinissime alla società siracusana, quel che ha portato alla non iscrizione della Trogylos in A1 è stato un “cavillo burocratico” legato a tempistiche imposte dalle regole fornite annualmente dalla Lega Basket Femminile e il mancato versamento della fideiussione necessaria a completare le procedure di iscrizione richiesta. Priolo aveva incassato nella settimana passata, e a seguito della diffusione di una lettera informativa destinata al presidente della Regione Sicilia, proprio il sostegno di Rosario Crocetta, il quale ha ricevuto una delegazione della Trogylos a Palermo, alimentando nuove speranze per il mantenimento della squadra in A1.

Con il contributo economico ormai consono di allenatore e dirigenti ed il sostegno dell’ex presidente Paolo Giuliano e quello di Domenico Cultrera, Priolo aveva così trovato le somme per effettuare il versamento necessario all’iscrizione, pur sperando in un successivo ricalcolo del denaro già corrisposto alla Lega, immaginando già di non poter sostenere i costi di una stagione nella massima serie ripartendo quindi dalla serie B.

Ha contato – secondo ancora quanto affermato nell’ambiente priolese – il rifiuto di un assegno che la società aveva garantito di versare, informando direttamente il presidente della Lega Paolo De Angelis, equivalente allo stesso importo della fideiussione ma in sostituzione della stessa. La fideiussione necessaria era - secondo ancora quanto dichiarato - impossibile da ottenere perchè non sarebbe stata materialmente disponibile entro le 24 ore precedenti alla chiusura dei tempi previsti.

L’ufficialità dell’assenza di Priolo dalla A1, così come maturata, ha scosso la dirigenza biancoverde che – secondo ancora quanto appreso – convocherà nei prossimi giorni una conferenza stampa indetta da Fabrizio Milani.