EuroLeague - CSKA, Itoudis "Orgogliosi della partita e del grande recupero"

28.05.2021 21:26 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroLeague - CSKA, Itoudis "Orgogliosi della partita e del grande recupero"

Il coach del CSKA Mosca commenta l'esito sfavorevole della semifinale con l'Anadolu Efes: "Congratulazioni all'Efes per aver guadagnato la finale. Sono stati dominanti per circa 27 minuti. Sfortunatamente, mancanza di comunicazione e rispetto eccessivo - senza offesa per la grande squadra dell'Efes - abbiamo dato loro un sacco di tiri liberi, che è stato non è il nostro piano perché sono bravissimi in quello. Hanno tirato 7 su 12 da oltre l'arco e lì erano dominanti nel primo tempo. Questa è stata più o meno la differenza. I 4 da tre in più che hanno tirato sono stati importanti.

Noi volevano iniziare il terzo periodo in modo diverso, ma hanno continuato a segnare e questo ha dato loro una spinta. Ma nel complesso, il fatto che siano andati 1 su 8 oltre l'arco nella seconda metà parla di come abbiamo cambiato il nostro atteggiamento e questo è stato cambiato in difesa all'inizio dell'ultimo quarto. Sotto di 16, sono andati dai giocatori dicendo: "Sentite, crediamo ancora di poter tornare indietro. Sotto di 16 nel basket, tutto può succedere se correggiamo le cose".

Abbiamo cambiato alcune cose. Abbiamo trovato il modo migliore per tornare indietro - giocando molto small ball. Abbiamo continuato a trovare un buon aspetto aperto. Stavamo facendo tiri e lo slancio del gioco - e il basket è un gioco di corse - è passato a dalla nostra parte. Avremmo potuto avere un risultato diverso. Non è successo fino in fondo. Ci lascia l'amaro in bocca per come abbiamo perso la partita. Ma congratulazioni all'Efes per aver fatto la partita giusta.

"Sono orgoglioso e ho detto loro prima della partita che tutte e quattro le squadre che hanno partecipato alle Final Four dovrebbero essere orgogliose di aver raggiunto le Final Four. È una cosa grande. Non è qualcosa da dare per scontato, soprattutto considerando questi tempi senza precedenti che stiamo attraversando con la pandemia e gli infortuni che abbiamo avuto. Eravamo orgogliosi, ma non siamo venuti qui solo per provare questa sensazione e giocare senza motivo.

Siamo venuti qui per un motivo. E ogni squadra che viene qui viene a raggiungere la finale. Questo è l'obiettivo. Chi dice diversamente sta mentendo. Non eravamo bravi all'inizio decisamente. L'Efes stava punendo esattamente ciò che non dovevamo dargli. Ma gli abbiamo dato quello. Lascia l'amaro in bocca perché avremmo potuto avere un risultato diverso. Sono orgoglioso di come abbiamo combattuto. Non è facile nella vita - e anche nello sport - quando l'altra squadra è dominante e li vedi tirare e avere fiducia per 27 minuti., devi tirarli fuori della loro zona di comfort.

Questo è quello che stavamo cercando di fare. Abbiamo trovato una buona cosa. Era troppo tardi? Può essere. Ma abbiamo trovato il modo per tornare indietro. Quindi ne sono orgoglioso. E sicuramente nella vita e nello sport, non scegli di cadere, ma se cadi devi cadere in avanti. Volevamo trasmettere il messaggio giusto e diventare una squadra migliore, diventare individui migliori. Queste sono le opportunità di crescita e siamo pronti ad evolverci in questo gioco come gruppo e come individui".