NBA - La stupefacente resurrezione dei Brooklyn Nets

16.08.2019 20:42 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - La stupefacente resurrezione dei Brooklyn Nets

Il punto più basso della storia recente dei Nets è stato il draft 2017. Con il terzo peggior record della stagione, la loro scelta andò ai Celtics, che l'avevano ricevuto nella trade del 2013 che portarono a Brooklyn Paul Pierce, Kevin Garnett e Jason Terry.

Rimanevano una delle peggiori squadre della NBA con poche risorse e non avevano il controllo delle proprie scelte del primo round per redigere il miglior talento nel draft. La reputazione dei Brooklyn Nets in tutto il campionato era ai minimi storici. Molti li hanno visti come unoscarto della Lega e un franchising condannato per gli anni a venire.

Due anni dopo, mandando deluse tutte le aspettative, hanno concluso la stagione con un record di 42-40, hanno disputato i playoff, hanno convinto Kyrie Irving e Kevin Durant di avere una credibilità da titolo NBA, ricostruendo la loro cultura d'impresa.

Il segreto. I segreti di una delle inversioni di marcia più storiche che abbiamo mai visto nello sport.

1) Sean Mark. ll piano di Billy King di trasformare i Nets in contendenti istantanei si concluse con un fallimento catastrofico. Doveva andare via. Il 18 febbraio 2016, Brooklyn ha assunto Sean Marks, ex vicedirettore generale dei San Antonio Spurs. Senza scelte e senza risorse ha saputo lavorare trovando e valorizzando giocatori sconosciuti in pezzi chiave di una squadra di playoff. Ha ceduto l'unico pezzo di pregio Thaddeus Young per arrivare a Caris LeVert, per esempio. Spencer Dinwiddie è diventato uno dei migliori sesti uomini della NBA. Joe Harris è diventato uno dei migliori tiratori della lega. E poi Jarrett Allen e Rodions Kurucs. E poi D'Angelo Russell, inviando ai Lakers Brook Lopez.

2) La Brooklyn Nets Culture e Kenny Atkinson. Nessuno voleva più venire a giocare qui. Poca gloria, e tutto da rifare. Kenny Atkinson è stato assunto come capo allenatore dei Brooklyn Nets il 17 aprile 2016. Il suo curriculum in termini di sviluppo dei giocatori era già eccellente. Atkinson è sempre stato conosciuto come uno dei migliori allenatori dello sviluppo in campionato. È in grado di stabilire ottime relazioni con i suoi giocatori al fine di aiutarli nel loro sviluppo. Inoltre, come abbiamo visto, sa come farlo.

Il secondo motivo per cui Kenny Atkinson era il perfetto capo allenatore per Brooklyn era il suo sistema. Ancora più importante, lo stile di gioco new age che ha implementato qui. Anche quando i Nets finirono con il peggior record dell'NBA, fu notato che Atkinson aveva importato uno stile di gioco simile a quello di Steve Kerr e dei Golden State Warriors a Brooklyn . È uno stile che pone grande enfasi sul condividere la palla e tirare da tre. Lo stile di coach di Atkinson è perfetto per l'NBA di oggi e dovrebbe integrare perfettamente i giochi di Kevin Durant e Kyrie Irving.