NBA - Scariolo: "Ad Orlando per alcuni mesi non sarà facile, ma l'NBA saprà come farlo"

22.05.2020 00:25 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Fonte: marca.com
NBA - Scariolo: "Ad Orlando per alcuni mesi non sarà facile, ma l'NBA saprà come farlo"

Sergio Scariolo, allenatore della spagna e vice allenatore ai Toronto Raptors, ha partecipato a Radio MARCA da Toronto dove, gradualmente, la sua squadra torna ad allenarsi, individualmente, in attesa di scoprire quando verrà stabilito il ritorno della NBA. L'allenatore ha superato con sollievo il picco della pandemia perché "a Toronto non ha colpito duramente come in altri posti e questo deve renderci felici".

Nelle ultime ore, Orlando sembra più vicina come sede per ospitare la fine della stagione NBA, qualcosa da decidere il 1° giugno; il luogo dove la sua squadra dovrebbe difendere il titolo. Al di là del luogo, Scariolo si preoccupa di come: "Stare lì per mesi non è una soluzione facile. Sarebbe per tutti opprimente, ma l'NBA troverà le soluzioni migliori. Sono sempre stati in vantaggio rispetto al resto del mondo dello sport. Abbiamo tutti molta fiducia."

Sebbene l'assenza di un pubblico possa offuscare lo spettacolo, l'allenatore è chiaro che, una volta che la competizione riprenderà, il basket non cambierà il suo stile: "È impossibile giocare a basket senza contatto. Se avessimo preso con cautela un rimbalzo, sarebbe stata la fine per questo sport. I protocolli rassicureranno tutti e i giocatori si affronteranno senza problemi."

Un altro punto importante nel futuro di Scariolo è il rinnovo come allenatore della Nazionale. Non ci sono ancora negoziati aperti con la Federazione, ma l'allenatore non è preoccupato poiché, da parte sua, ha risolto i suoi problemi: "Tutti hanno i loro problemi e la Federazione ora ha abbastanza problemi. Non voglio affrettare nessuno. Sono stato in grado di negoziare le mie condizioni per poter continuare nel club e ora, quando avranno tempo e potranno farlo, ci sederemo per poter parlare. ciò in cui credevo, ma non posso mettere i miei affari davanti ad altre emergenze della Federazione."

È così che passa la giornata nelle sessioni dei Raptors: "Un giocatore può entrare ogni ora, con un allenatore, in modo da non incrociare nessun altro e usare rigorosamente il materiale che viene messo a sua disposizione". Non c'è ancora l'intera squadra al suo comando: "Ci sono molti dispersi e non sono sicuro che saremo tutti insieme qui quando inizia. È ancora più pratico riunirsi nel luogo in cui inizierà a giocare, ma non ci sono ancora indicazioni concrete".

Ciò che non lo spaventa è il fatto di giocare a porte chiuse: "Dovrai adattarti a nuove situazioni, ma non sono molto ossessionato dal nascondere tutto ciò che fai. La privacy dura una partita, fino a quando il rivale non ti rende un buon scouting e analizza tutti i dettagli", ha concluso Scariolo.