NBA - Lakers, perché LeBron non si è portato dietro lo chef personale?

15.07.2020 19:47 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Lakers, perché LeBron non si è portato dietro lo chef personale?

Sono ormai arcinote e documentate le lamentele dei giocatori NBA per il cibo che viene loro consegnato dalla organizzazione del Walt Disney Resort a Orlando. USA Today si è chiesta perché - dopo aver visto quelle condizioni modeste - LeBron James non si sia portato nella bolla il suo chef personale , la massaggiatrice e la sua sicurezza. 

Secondo Chris Haynes di TNT, la decisione di LeBron di lasciare a casa il suo chef, la massaggiatrice e il team di sicurezza è il segnale di uno sforzo per mostrare unità con i suoi compagni di squadra. Se Alex Caruso e Kyle Kuzma sono bloccati a mangiare pranzi al sacco della cucina Disney, LeBron voleva essere lì con loro.

Ovviamente, si tratta di un ragionamento che può andare bene a LeBron, ma c'è una buona probabilità che non avrebbe potuto portarsi quelle persone dentro la bolla, anche se lo avesse voluto. Ogni squadra ha avuto diritto a una comitiva con un limite di 37 persone; i Lakers hanno portato 17 giocatori in bolla, lasciando 20 posti per allenatori, formatori, personale medico, PR e addetti alla squadra.

I Lakers non avrebbero potuto mandare qualcuno a casa perché LeBron aveva bisogno della sua massaggiatrice e del suo team di sicurezza nel campus. Il massimo che LeBron avrebbe potuto ottenere - secondo il promemoria della NBA - era che il suo chef personale restasse fuori dal campus e gli facesse consegnare il cibo pronto ogni giorno.