NBA - Danilo Gallinari "Se siamo una squadra, possiamo farcela"

16.03.2020 01:21 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
NBA - Danilo Gallinari "Se siamo una squadra, possiamo farcela"

Danilo Gallinari non dimenticherà presto anche la velocità con cui lui e i suoi compagni di squadra furono portati di nuovo nello spogliatoio dal parquet della Chesapeake Energy Arena prima della palla a due contro Jazz. A Marc Stein del New York Times ha raccontato questo momento della sua vita, che è servito per dare agli americani uno spaccato concreto di cosa si viva oggi in Italia e quasi certamente toccherà anche a loro sopportare nelle prossime settimane:

"Non siamo riusciti davvero a capire cosa stesse succedendo. Siamo rimasti tutti scioccati. Forse io sono rimasto un po' meno scioccato di chiunque altro sapendo cosa sta succedendo nel mio paese ".

Domenica sera in Italia sono stati conteggiate 24.747 persone contagiate dal Coronavirus con 1.809 morti. Tra queste morti c'era la nonna di Filippo Conti, il migliore amico di Gallinari fin dall'infanzia nel nord Italia - la regione più colpita dal Paese - in una città a circa 20 miglia a sud-est di Milano. E nel condominio dove si trova a Oklahoma City con la fidanzata, il suo pensiero e le sue telefonate sono andate spesso verso l'Italia: "La mia famiglia è in quarantena da alcune settimane."

Covid-19. “Naturalmente abbiamo fatto un errore non prendendolo sul serio in Italia e ora siamo il secondo o il terzo peggior paese al mondo per questo virus. Spero che non faremo lo stesso errore negli Stati Uniti."

La famiglia di Gallinari è divisa. Il fratello minore Federico è al secondo anno con la squadra di basket della Rochester University, a Rochester Hills, Michigan. Il padre, Vittorio, è spesso negli Stati Uniti per lavoro ed è attualmente a Denver, dove Danilo ha giocato per cinque stagioni e mezzo. Il resto della famiglia, compresa la madre dei fratelli, Marilisa, è in Italia, ma le restrizioni di viaggio le impediscono di visitare i nonni di Danilo a circa 30 minuti di distanza.

Gallinari è stato spesso in contatto con tutti loro tramite FaceTime e Skype. Sta anche cercando di dare supporto al suo amico Conti, che lavora nel settore privato in Belgio, e ai suoi amici all'interno della pallacanestro come Mitchell Poletti, che gioca per Scaligera Basket Verona nella seconda divisione italiana. La moglie e il figlio di Poletti sono a 90 minuti da lui, ma "non li vede da 15 giorni", ha detto Gallinari.

"Tutti stanno cercando di trovare una nuova routine a casa", ha detto Gallinari dei giocatori della Lega italiana. "Il basket non è più nella loro vita per ora, quindi quando si svegliano al mattino, cercano di trovare qualcosa da fare durante il giorno e non è facile perché devono restare a casa. Non possono avere una vita sociale regolare.

È qualcosa di serio. Vedo in Italia, proprio ora, che la situazione migliori, i cittadini devono comportarsi nel modo giusto e seguire le linee e le regole che il governo ha stabilito. Non è solo una cosa del governo o una cosa dell' ospedale. È più come una squadra. Dobbiamo essere una squadra.

Voglio tornare in campo, ovviamente, per molte ragioni", ha concluso Gallinari. “Ma in questo momento non è una situazione semplice e facile da risolvere. Tutto questo è più grande del basket, più grande di ogni altra cosa. È un problema mondiale. Quindi voglio giocare a basket, ma allo stesso tempo voglio sapere che tutti sono al sicuro."