Virtus Bologna alla ricerca dell’equilibrio perduto

17.02.2020 12:16 di Davide Trebbi Twitter:    Vedi letture
Virtus Bologna alla ricerca dell’equilibrio perduto

Non è stato un grande inizio di febbraio per la Virtus Bologna con le sconfitte in finale di coppa intercontinentale e l’uscita ai quarti in coppa Italia, entrambe in trasferta.

La VNera purtroppo ha smarrito la propria fiducia fin qui procurata dall’ottimo record stagionale.

Mancando entrambi i traguardi, il percorso è stato ampiamente rivisitato, iniziato dopo la traumatica sconfitta in EuroCup contro il Partizan Belgrado. 

Dopo quel colpo la Virtus ha avuto dal calendario più occasioni poter reagire, cercando di non metabolizzare, ma sono venuti fuori inevitabili reazioni mentali.

La V ha combattuto così principalmente con fobie e insicurezze e senza questo coach Djordjevic ha cercato un’insistente ricerca della personalità del duo serbo.

Non sono però bastate così alla sua seconda pausa stagionale, la Segafredo dovrà quasi ripartire da zero, lavorando ed esercitandosi attraverso  i sacri e agognati allenamenti di coach Djordjevic per riveder il cammino. 

L’infortunio di Frank Gaines ha minato gli equilibri tattici della Virtus, laddove era un gregario perfetto nonostante fosse alcune volte discontinuo al tiro.

L’ex Cantù riusciva con la sua fisicità a sopperire e aiutare difensivamente proteggendo Teodisic e Markovic, preservandoli per l’attacco. 

Calando la sua partecipazione e presenza la Virtus ha dovuto inevitabilmente appoggiarsi ai suoi italiani, non trovando secondo lo staff bianconero convincenti risposte.

Le ultime gare della Virtus sono state rappresentazioni di rabbia, tenacia, alla ricerca pasmodica del risultato al di là dell’esito, trovando però insidie e trovandosi più delle volte a rincorrere l’avversario.

La sosta può aiutare per ritrovar la serenità e sicurezza, pronta per esser riprodotta in campionato contro Varese tra una decina di giorni.

Test importante per arrivare la gara qualificazione d’Eurocup contro il Darussafaka in trasferta tra diciannove  giorni.

Una vittoria sarebbe d’ottimo auspicio per il futuro, ma Djordjevic deve assolutamente trovar nuovi equilibri tattici per recuperar mentalmente tutta la squadra.