Euroleague Women '21/22 per Umana e Famila impegni difficili nella II^giornata

Venezia gioca in casa delle Campionesse d'Europa di Ekaterinburg, Schio riceve le catalane dello Spar Girona e saranno partite molto interessanti
14.10.2021 00:30 di Eduardo Lubrano Twitter:    vedi letture
Euroleague Women '21/22 per Umana e Famila impegni difficili nella II^giornata

Umana Reyer Venezia e Famila Beretta Schio sono chiamate giovedì14 ottobre a dar conferma di quanto di buono hanno mostrato nella prima gara dell’Euroleague Women, al netto delle avversarie, rimaneggiate e con problemi di varia natura. Nel girone A, la squadra Campione di Italia, l’Umana Venezia, ha certamente il compito più difficile: giocherà in casa delle russe dell’UMMC di Ekaterinburg, campionesse in carica della manifestazione da tre anni consecutivi. Alla difficoltà in campo si aggiunge la lunghezza di un viaggio - in bus fino a Milano Malpensa, volo per Mosca e poi altre 2 ore e 30 per arrivare ai confini tra l’Europa e l’Asia – che stancherebbe anche quelli della NBA.

Massimo Romano, coach della Reyer, presenta così la partita che si gioca alle ore 16 italiane alla DIVS Sports Hall : ““Siamo arrivati qui stanotte (martedì,ndr) dopo un’intera giornata di viaggio, stamattina abbiamo riposato mentre oggi stasera e domattina ci alleniamo per preparare al meglio la partita. Sappiamo di giocare contro la squadra Campione d’Europa contro cui abbiamo già giocato due volte due stagioni fa. Sia noi che loro non saremo al completo, sappiamo che sarà una gara complicata che affronteremo con tranquillità provando a giocare la nostra pallacanestro e difendendo meglio della gara con Lucca, così possiamo metterle in difficoltà. Sarà dunque fondamentale mettere tanta aggressività in difesa e impedire a Ekaterinburg di trovare soluzioni facili. Hanno tantissima qualità e talento offensivo, dovremo provare a togliere loro un po’ di confidenza. Per ciò che riguarda il nostro di attacco dovremo muovere la palla e sfruttare a nostro vantaggio le situazioni di gioco a metà campo, fronte e spalle a canestro. Abbiamo bisogno di un atteggiamento difensivo diverso, aspetto su cui dobbiamo crescere ancora tanto”.

Nel girone B anche il Famila Beretta Schio ha un impegno tutt’altro che soffice: lo Spar Girona. E’ il terzo anno consecutivo che le ragazze scledensi affrontano le spagnole e l’anno scorso non è stato felice per le nostre. Girona è certamente squadra più esperta delle francesi del Basket Landes che Schio ha battuto nella prima giornata (27 a 23 l’età media ma anche la Spar schiera una vera e propria leggenda del basket europeo tra le proprie fila: Laia Palau, 42 anni, non sente il peso dell’età tanto che gioca una media di oltre 20 minuti a partita. Come sempre lo Spar può contare su un nutrito nucleo di straniere (sette anche quest’anno): le USA Burke (nella scorsa stagione trascinatrice di Sassari con oltre 20 punti e 10 rimbalzi di media) e Gardner, le svedesi Frida Eldebrink e Drammeh (vista in Italia con la Gesam Gas Lucca), il centro ceco Reisingerova e quello lituano Labuckiene, infine la giovane francese Parra.

Il Famila è a posto, al completo, recupera pienamente Kim Mestdagh e lancia la francese Charli Collier ha debuttato in campionato con una doppia doppia contro Moncalieri. Domenica scorsa rimasta a riposo, invece, Sandrine Gruda che, però, rassicura tutti sulle sue condizioni di forma: “Mi sento bene. Sono felice di vedere che il mio corpo si sia ripreso al meglio e sono molto ottimista per il futuro”.

La fuoriclasse di Schio è in questi giorni anche protagonista di una nuova campagna dell’Eurolega intitolata #ProudlyWoman che mira a valorizzare le qualità e le diversità delle giocatrici della lega, tutte uniche nella loro persona. “Gioco in questa competizione da 17 anni ed è bello vedere quanto stiano facendo per il basket femminile - conclude Gruda - Sono felice che ora abbiano lanciato questa campagna per mostrare i diversi volti e qualità delle donne. Come giocatrici abbiamo delle qualità da presentare al meglio per ispirare le nuove generazioni. Mi fa infine piacere di essere stata individuata come quella ‘forte’, spero di essere da esempio per tutte le bambine e i bambini che ci guardano”.

Palla a due  giovedì 14 ottobre, alle consuete ore 19.30, il PalaRomare si tingerà di orange ma anche di rosa. Il Beretta Famila, infatti, scenderà in campo anche al fianco della prevenzione al tumore al seno. Durante l’intervallo sarà presentata la campagna #Anchioalpostosuo, realizzata dal Gruppo Centro di medicina a sostegno delle Associazioni Provinciali della LILT – Lega Lotta Italiana Contro i Tumori – in particolare di quella di Vicenza, alla quale Centro di medicina donerà parte del ricavato delle mammografie eseguite nel mese di ottobre 2021. All’imprenditrice vicentina, e ora ciclista per passione, Loretta Pavan verrà consegnato il riconoscimento dell'Ambassador della Prevenzione, da parte dell'Amministrazione comunale, del Beretta Famila, della Lilt vicentina e del Centro di medicina Schio.