I campioni d'Italia in pillole: faranno parlar di sé

05.08.2019 08:00 di Marco Garbin   Vedi letture
I campioni d'Italia in pillole: faranno parlar di sé

L'ossatura di una squadra non è limitata ai volti che si vedono più spesso in campo. Oltre allo staff tecnico e a tutti coloro che lavorano "dietro le quinte" alle mille attività necessarie per far si che lo show abbia inizio vi sono quei giocatori che, nonostante il limitato minutaggio, si mettono a disposizione dentro e fuori dal parquet.
Fra le fila dell'Umana Reyer campione d'Italia 2018/19 "a tirare la carretta" c'erano anche Tomas Kyzlink, Mihajlo Jerkovic e Davide Casarin.
Il primo, guardia classe '93 recentemente accasatosi alla Virtus Roma, muove i primi passi nello Slavia Praga e si mette in mostra nel Nike International Junior Tournament del 2011 a Belgrado.
Giocatore molto abile ad attaccare il canestro e al contempo attento in difesa, dimostra molto del suo valore nelle stagioni a Treviglio, Domzale e Bourg en Bresse, viaggiando  alla media di 10 punti per gara.
Nel 2017 arriva alla Reyer ma, una settimana dopo il suo tesseramento, s'infortuna alla schiena durante l'avventura in Eurobasket con la sua nazionale.
Nel 2018, rientrante dall'infortunio, è in prestito a Siena in A2. Il ceco è fra i migliori chiudendo con una media di 17 punti, 4 rimbalzi e 3 assist per gara.
Rientra a Venezia più per crescere grazie al team, in quanto sa che il minutaggio a sua disposizione nella stagione dell'ultimo tricolore sarà ridotto.
Mihajlo Jerkovic, ala classe '99 di 204 cm, nasce in Serbia ma si forma in Italia. Con la maglia della prima squadra orogranata solo qualche apparizione ma il suo indiscutibile talento, maturato nel vivaio della Reyer e messo in mostra a San Vendemiano e Caorle, avrà modo di esplodere nella prossima stagione a Udine, alla corte di coach Ramagli.
Chi invece resterà in prima squadra lagunare nella prossima stagione sarà Davide Casarin.
Guardia tiratrice, nato a Venezia nel 2003, ha già ampiamente fatto parlare di sé nei campionati U16 e U18 con la maglia della Reyer e con la maglia della Nazionale U16. A soli 15 anni debutta in prima squadra nell'ultima di regular season contro Brescia, bagnando anche con una marcatura il suo esordio.
Dopo un'estate che l'ha visto protagonista nell'Adidas Next Generation All Star Tournament la conferma nel roster della Reyer 2019/20.
Tre storie, tre giocatori con caratteristiche diverse ma accomunati dall'amore per la palla spicchi e da un futuro che, di certo, sarà pieno di soddisfazioni.