LIVE LBA - L'Armani sa soffrire sfinendo la Fortitudo Kigili nel finale

LIVE LBA - L'Armani sa soffrire sfinendo la Fortitudo Kigili nel finale
© foto di OlimpiaMilano.com

Palla a due alle ore 18:00 al PalaDozza dove si confrontano, di sabato pomeriggio, Fortitudo Kigili Bologna e Olimpia Milano. Entrambe le formazioni sono rimaneggiate: i felsinei guidati da Antimo Martino sono privi di Fantinelli, Groselle e Mancinelli, con Gudmundsson in verifica nei minuti precedenti la gara. L'Olimpia di Messina ha Malcom Delaney out per almeno tre settimane, Davide Alviti, e Moraschini in attesa delle controanalisi dell'antidoping. A riposo Kyle Hines. Probabile l'inserimento di Troy Daniels, che in EuroLeague ha avuto 1' per assaggiare il campo e invece non è nei 12 dove ci sono due giovani Leoni e Rapetti.

1° quarto - Alla prima azione Datome piazza una tripla. Grant aggiunge due liberi. Ashley accorcia da sei metri: l'Olimpia difende forte sul perimetro, una specie di 1-2-2. Un recupero di Procida diventa contropiede e schiacciata 4-5 con 7'42". La Effe fallisce il sorpasso dopo alcune buone difese, ci riesce con 5'51" Durham inventa l'alley-oop per Ashley, Benzing con 5'14" mette la sua prima bomba al terzo tentativo 9-5 timeout Messina tra i cori del pubblico. Al rientro quinta palla persa di Milano, con Datome. Entrano Mitoglou e Rodriguez, Datome con 4'06" non fallisce il contropiede. Procida finta, Mitoglou ci cade e tripla. Lo stesso greco replica da due 12-9 con 3'. Shields per il -1. Il secondo assist di Rodriguez è per Biligha, sorpasso. Totè appoggia il controsorpasso. Il Chacho si mette in proprio al 9', e Totè risponde. Shields arma Biligha, poi gioca l'ultima palla del quarto senza fortuna 16-17 dopo 10'.

2° quarto - Baldasso da tre in apertura quarto. L'Olimpia appare compassata e con poca energia, la Fortitudo - grazie anche al suo pubblico - molto meno timorosa. Richardson non brilla ai liberi 1/2 con 9'20". Ma un minuto dopo ritorna in lunetta per fare 1/3! Melli accorcia, Ashley schiaccia 23-19, poi in difesa prende uno sfondamento da Hall con 7'08". Richardson piazza la bomba del +7, ma Tarczewski si fa vedere bene da Grant 26-21. Richardson finalizza un azione con tre tentativi consecutivi 28-21 con 5'22". Hall spara la tripla al 15' +4 Effe. Due liberi per Datome, il timeout per Martino con 3'56". Gioco da tre punti di Shields e tripla di Rodriguez: il break 0-11, 28-32 è chiusa da cinque punti in fila di Totè (e un libero sbagliato) per il 33-32 con 2'20". Melli vede Rodriguez e gli serve una tripla chirurgica. L'Olimpia è comunque salita di tono, prende rimbalzi d'attacco, Melli allunga di forza e il timeout è di Martino 33-37 con 1'14". Totè schiaccia per il -2, il terminale di Milano è Nicolò Melli che si mangia un appoggio facile facile ma poi schiaccia a fil di sirena il 35-39 del 20'. 

3° quarto - Cinque punti di Richardson per animare subito il terzo periodo, e sorpasso 40-39 in meno di 1'. La tripla di Mitoglou rilancia Milano, l'antisportivo di Richardson costa caro alla Kigili. 1/2 di Mitoglou in lunetta ma tripla di Hall 40-46 con 7'31". Ashley 1/2 in lunetta sul terzo fallo di Mitoglou. Poi Datome con la tripla e la penetrazione al ferro di Rodriguez vale il +10 di Milano con 6'06" e Martino deve fermare il gioco 41-51. Durham accorcia da sotto, Tarczewski mette un libero, ma l'antisportivo chiamato a Benzing e confermato a video vede il 2/2 di Hall ai liberi 43-54 al 25'. Con 3'53" Aradori mette un prezioso 2+1, per il -8. Cinquanta secondi dopo ne aggiunge due, sbagliando l'aggiuntivo. Shields mette un libero per il +7 con 2'12". Shields torna in lunetta per un fischio quasi "chiamato" agli arbitri di Totè e anche stavolta fa 1/2. Procida invece fa 2/2 e tiene viva la Fortitudo. Al 30' si chiude 50-54.

4° quarto - Tre liberi a segno di Datome su fallo di Aradori contestato. Mitoglou realizza mandando per terra Richardson, Martino contesta e prende tecnico, Datome ringrazia e mette il libero 50-62 al 31'. Due triple consecutive firmate Aradori e Procida dimezzano lo scarto e Messina prende minuto di sospensione. Al rientro Aradori alimenta il parziale della Effe in contropiede, Ashley fa lo stesso mentre l'Olimpia torna alle palle perse 60-62 con 7'. Shields e Aradori a segno, ma la tripla di Rodriguez zitta il PalaDozza per un momento. Con 5'30" Hall ne aggiunge un'altra e Melli rilancia per il 62-72 con 5'13" sul cronometro. Si riparte però con la bomba di Rodriguez del +13. Il 5-0 Durham-Aradori riapre le speranze biancoblu, due di Mitoglou e la stoppata di Procida su Shields dicono che non tutto è finito. Baldasso mette la tripla 70-77 con 2'22". Hall e Benzing per il 2/2 a testa in lunetta. Ancora una doppietta Mitoglou-Shields per tornare a +11 con 1'01". Bomba di Aradori! e bomba di Grant! e appaiono i titoli di coda.

Il commento: su una buona vittoria non ci si sputa sopra mai. Ma è tanta fatica per l'Olimpia che ritrova per l'occasione un buon Devon Hall e una zona sparagnina contro la quale la Kigili stenta a ingranare da tre punti (10/34, 29%) e deve costringere un fantastico Durham a stare in campo 37', oltre i 31' di Aradori e Procida. Un paio di passaggi a vuoto (12 palle perse) nel primo e nell'ultimo quarto restituiscono benzina ai padroni di casa, ma basta una piccola accelerazione e il gioco è fatto. Non convince i buongustai, ma martedì l'Olimpia sarà di nuovo in campo a Monaco di Baviera.

Fortitudo Kigili Bologna - AX Armani Milano 75-86. Boxscore: 18 Aradori, 12 Richardson, 11 Totè, 10 Procida, 4p+10as Durham, 9 Ashley, 6 Baldasso, 5 Benzing per la Fortitudo; 16 Rodriguez, 13 Hall, 12 Mitoglou, 11 Shields, 8 Melli, 5 Grant, 4 Biligha, 3 Tarczewski per Milano.