EuroLeague - CSKA, Vatutin "Il fair play finanziario danneggia noi a favore di Real e Barça"

22.07.2019 16:00 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
EuroLeague - CSKA, Vatutin "Il fair play finanziario danneggia noi a favore di Real e Barça"

Toni molto composti, quelli del presidente del CSKA Mosca Andrei Vatutin. Ma con una personale chiarezza di punti di vista nell'intervista concessa a Izvestia. Dove va l'EuroLeague e dove va il sistema basketball mondiale, al volontà di avvicinarsi agli standard della NBA in termini di business, il fair play finanziario che danneggia la società russa che avrà a disposizione appena 26 milioni per fare la squadra.

Caos europeo. Nel basket europeo c'è un vero caos: Eurolega, Eurocup, Champions League, Coppa Europa FIBA, campionati nazionali, tornei di qualificazione per la nazionale nelle "finestre" di conflitto ... Questo scoraggia gli investimenti dalla pallacanestro. Il paradosso è che tutti sono contenti di questa situazione. Tutto è in qualche modo "sistemato". I club si sono abituati al fatto che non potevano lasciare la squadra nazionale, le federazioni si sono abituate al fatto che dovevano entrare in una discussione con i club. In generale, non esiste un ordine, nessun potere, che porterà tutto ad un comune denominatore. Non so che tipo di persona o organizzazione potrebbe fare questo. Ogni parte ha la sua verità, e il guazzabuglio di competizioni, regole, regolamenti è diventato un dato di fatto. E dovremo convivere con questo per più di un anno.

CSKA ridimensionato dal fair play. Dopo aver vinto l'Eurolega, il costo di molti dei nostri giocatori è cresciuto, e non potremmo nemmeno teoricamente tenere  assolutamente tutti, perché andremmo oltre le restrizioni normative. Il fair play finanziario dell'Euroleague è stato duro e sarà ancora più difficile. In questa e nelle prossime stagioni, il contributo del proprietario al budget del club non può essere superiore al 65%, e dopo quattro anni l'Euroleague vuole portare questa cifra al 40%. Il piano è incoraggiare i club a guadagnare di più. Allo stesso tempo, è importante che i club non possano spendere più del 65% del budget per gli stipendi dei giocatori, indipendentemente da quanto denaro il proprietario dà. Il nuovo limite già oggi impone di essere più modesto nelle acquisizioni e di mantenere uno specifico tetto salariale. Nel budget CSKA per la stagione 2019/20, il fondo salariale sarà di circa € 26 milioni e il 13% della tassa sociale unificata.

La spina dei ricavi. Le squadre con un solo proprietario che si occupano di calcio e basket sono favorite dal fair play. Al CSKA siamo in una situazione diversa, possiamo contare solo su noi stessi. Allo stesso tempo, non è del tutto chiaro come guadagnare in Russia. I profitti europei consistono in trasmissioni TV, grandi contratti pubblicitari e emissione di biglietti. Non possiamo e non vogliamo aumentare i prezzi dei biglietti a livello europeo, poiché stiamo cercando di aumentare le presenze. I colleghi hanno calcolato che, tenendo conto del costo del noleggio della Megasport, con il tutto esaurito nelle partite casalinghe di Euroleague, possiamo guadagnare circa 280 milioni di rubli per la stagione. Si tratta di circa 4 milioni di euro. Ripeto, con un sold out su tutte le gare che, vedi, non è realistico. I ricavi delle vendite TV sono incomparabilmente piccoli. Il contratto "Match TV" con l'Euroleague costa 350 mila euro, di cui, nell'ultima stagione, abbiamo ricevuto € 98 mila. Questo è il tipo di aritmetica. A proposito, per i diritti televisivi "Maccabi" di Euroleague ha ricevuto 3,5 milioni di euro, "Barcellona" e "Real" - 2 milioni di euro: si tratta della popolarità del basket in Russia, Israele e Spagna, e queste sono cifre oggettive. "Match TV" non paga così poco perché non ci piace il basket o la pallacanestro è povera nel paese. Non c'è richiesta per lo spettacolo, i voti sono incredibilmente bassi. I meccanismi di guadagno che portano successo in Spagna, Italia, Grecia, in Russia non funzionano. Le valutazioni sono incredibilmente basse.

Russia o Spagna, il giocatore sceglierà sempre la Spagna. Durante l'ultimo blocco nell'NBA ci era stato offerto un giocatore top per un milione di dollari al mese. Non parlerò di chi è stato specificamente discusso, ma è ancora una superstar e recentemente ha cambiato il club. Il contratto ci darebbe i diritti su tutti i proventi della vendita delle magliette CSKA con il suo nome. Gli agenti hanno affermato che in questo modo il club avrebbe monetizzato la maggior parte del costo del contratto. Immagino che ancora non capiscano perché non siamo d'accordo. Era impossibile per loro spiegare che il meccanismo di successo nella NBA non avrebbe funzionato in Russia. L'Eurolega sta costruendo un modello per le realtà dell'Europa occidentale, dove esiste l'Unione europea, basi fiscali e legislative simili, la mentalità delle persone. Noi, e in parte la Turchia, siamo costretti ad adattarci, ballare la melodia di qualcun altro. Con due offerte identiche da Barcellona e dal club di Mosca, dove andrà il giocatore? Proprio in Spagna. Qui il tempo è migliore, non c'è neve e 300 giorni all'anno il sole. I club russi pagano più del dovuto per il clima e così via, ed è quasi impossibile difendere i loro diritti nel fair play. Non sono assolutamente contrario al fair play, ma oggettivamente perdiamo dall'introduzione di un nuovo sistema.

Cory Higgins, Nando De Colo e Sergio Rodriguez. Cory e Nando hanno voluto cambiare la loro situazione e hanno fatto riferimento a motivi familiari. Certo, volevamo teneri stretti questi giocatori di pallacanestro, ma non potevamo andare contro la loro volontà. Cory voleva cambiare paese, ha ricevuto un meritato e solido contratto al Barça, che oggettivamente non potevamo permetterci nel quadro dei requisiti dell'Eurolega. Pochi si aspettavano di vedere Nando in Fener, e lui stesso, quando si è separato dal CSKA, ha detto che stava pianificando una strada diversa. Dopo un paio di settimane, le circostanze sono cambiate in due continenti contemporaneamente, e questo lo ha portato a Istanbul. Sergio Rodriguez ha ricevuto da un altro club l'offerta di firmare un contratto di tre anni, e questo è molto importante per un giocatore in questa fase della sua carriera. Siamo andati a incontrarci e ci siamo separati gentilmente. È chiaro che è impossibile sostituire rapidamente giocatori di questo livello, la squadra ha bisogno di nuovi volti, la vita va avanti, Queste sono nuove sfide per il club e i fan. Ripeto, dopo la grande vittoria non volevo davvero cambiare qualcosa, ma non abbiamo avuto altra scelta. D'altra parte, questa squadra è stata costruita diversi anni fa, ha vinto due Euroleagues e, probabilmente, ha raggiunto il suo apice, le forze dei veterani non sono illimitate.