Nadirex Pavia-Tramec Cento , il prepartita

09.11.2013 15:43 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa ASD BENEDETTO XIV 2011
Nadirex Pavia-Tramec Cento , il prepartita

Dopo la batosta rimediata sabato scorso nel derby con la Tulipano Bologna, il percorso della Tramec riparte dall’ardua trasferta sul campo della Nadirex Pavia con palla a due in programma per le ore 18 di domenica, agli ordini di Carlo Leoni Orsenigo di Cantù (CO) e Fabrizio Suriano di Torino (TO).
 
QUI PAVIA – La matricola lombarda, allenata da quel Romano Petitti che mancò la vittoria della DNC con Piacenza nel 2011 per poi rifarsi con l’Edimes l’anno dopo, è compagine che punta a mantenere la categoria ma la conferma del nucleo storico, la campagna acquisti e l’entusiasmo generato della recente promozione in DNB sembrerebbero legittimare le ambizioni di Cristelli e soci, nonostante la sconfitta rimediata domenica scorsa in quel di Torino, con canestro a fil di sirena di Raucci. Il playmaker titolare è il pavese Fossati, ex compagno di squadra di Mabilia a Ostuni. Il cambio del play è Stefano Appendini, ex Castelletto Ticino. In posizione di guardia si dividono il minutaggio Stefano Degrada, che a trent’anni torna nella sua città dopo un fortunato biennio in quel di Tortona, e Maurizio Tassone, atleta che può coprire tutti e tre i ruoli sul perimetro ed è stato prelevato in estate da Torino, dove ha trascorso le precedenti otto stagioni e di cui è stato capitano. Nel reparto ali spiccano i centimetri e il talento di Davide Cristelli, che vestirà la casacca rossonera per il terzo anno consecutivo e fu punto di riferimento di quella Bergamo che, allenata da Lino Lardo, negò la Serie A2 a Cento nel 2001. Il pacchetto ali è completato dall’ex Casale Monferrato Sanlorenzo, e dai giovani Fabio Rossi e Manuel Terzaghi, ventunenne di scuola Varese ma con trascorsi a Castelletto Ticino. Sotto canestro il riferimento è Filippo “Max” Politi, ex di turno con precedenti a Bologna (Fortitudo) e Vigevano, mentre il suo cambio è l’enfant du pays Giovanni Frontini.
 
QUI CENTO – Settimana difficile, quella dei biancorossi. Iniziata lunedì con l’infortunio rimediato da Ikangi (tre punti di sutura all’arcata sopraccigliare sinistra) e proseguita con turni di allenamento “extra” come quello di mercoledì, quando Giuliani ha prima portato la squadra sull’argine per un’ora di corsa e poi al Palabenedetto per rivedere con la squadra il video della sfida con Bologna, e sabato pomeriggio, quando Di Trani e soci si sono presentati in palestra per un ripasso degli schemi, prima di raggiungere Bargellino per onorare l’impegno con uno sponsor. Per quel che concerne l’infermeria: se Govoni ha ripreso in settimana ad allenarsi coi compagni, Bona ha invece proseguito il lavoro differenziato mentre Carretti si è allenato col contagocce ma è abile e arruolato per la partita. Privo di particolare significato, infine, lo scrimmage con la Pall. Primavera di giovedì: troppe assenze da una parte (Bona e Carretti) e dall’altra (Nardi, Pignatti e Jefferson), per quello che si è rivelato come un discreto allenamento ma niente di più: per la cronaca ha vinto la formazione ospite per 77-69 (Silimbani 19, Nieri 14; Ranuzzi 17, Clemente 16, Alibegovic e Losi 14).