Covid-19: la NBA rafforza il protocollo con nuovi test

15.07.2020 22:29 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Covid-19: la NBA rafforza il protocollo con nuovi test

I "falsi positivi" preoccupano la NBA e i giocatori che vanno in campo, e la lega ha quindi deciso di aggiungere test sierologici per le persone che sono state infettate qualche tempo fa, ma che non sono più contagiose. Per il momento, la NBA stava effettuando solo test virologici e un giocatore era autorizzato a giocare se avesse superato due test negativi in ​​24 ore.

Tuttavia ESPN riferisce che almeno un giocatore che ha accumulato diversi test negativi è stato poi testato positivo dopo essere entrato nella bolla. Questo è stato un caso classico di "falso positivo", a causa del fatto che ci sono ancora cellule morte infette. Il virus non è più attivo e la persona non è più contagiosa, ma rimangono tracce ...

Di conseguenza, la NBA e il sindacato dei giocatori si sono rivolti agli specialisti e hanno deciso di aggiungere test sierologici, utilizzati per rilevare la risposta immunitaria. La NBA specifica che ciò riguarderà solo i giocatori che sono stati positivi in ​​passato e specifica in dettaglio il suo nuovo protocollo per un giocatore testato positivo.

- Una quarantena di almeno 14 giorni dopo il primo test positivo o la fine dei sintomi
- Il giocatore deve quindi essere negativo con due test virologici in un intervallo di 24 ore
- Il giocatore deve quindi superare un test sierologico positivo (presenza di anticorpo) eseguito entro 30 giorni
- Il giocatore deve essere negativo per un "test rapido" (con risultato immediato) prima di riprendere il contatto con altre persone.

È solo dopo queste quattro fasi che il giocatore sarà quindi autorizzato a riprendere il percorso di allenamento. Ad esempio, ciò riguarda attualmente Russell Westbrook, Harrison Barnes ed Alex Len, tre giocatori che non hanno ancora ottenuto il via libera per unirsi a Disney World.