LBA - Pesaro, Sacco: "Abbiamo giocato la partita che volevamo giocare, a testa alta"

08.12.2019 19:23 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
VL Pesaro / Facebook
VL Pesaro / Facebook

La VL Pesaro cade dopo aver lottato per 40' contro l'Olimpia Milano. Coach Giancarlo Sacco ha parlato così al termine della partita:

"Stasera abbiamo giocato contro una squadra di EuroLeague. Bisognava subentrare con cautela, ringrazio Luca Pentucci e Paolo Calbini per l'aiuto e la collaborazione dello staff. Mi sono potuto dedicare alla partita tattica dalla panchina senza doverrmi sorbire un'altra parte del lavoro importante. Alla squadra avevo chiesto di essere degli uomini, chi non lo è quella è la porta. La stagione è ancora in una situazione ancora non compromessa dal mio punto di vista. Sono carico a 1000 perché non la vedo compromessa. Ho chiesto ai ragazzi di darmene una dimostrazione. La qualità umana delle persone è fondamentale soprattutto di fronte a una situazione complessa e durissima. Lo dicevo anche a 27 anni quando allenavo: inutile parlare di "difesa a zona" o "difesa a uomo", di tattica, di pick and roll se poi non hai gli uomini. Prima devi avere gli uomini. Preferisco guardarli in faccia uno ad uno e a quel punto cerco di dargli il più possibile. Ho visto un atteggiamento difensivo diverso. Abbiamo chiarito qualche regola in difesa, ma la presenza e la comunicazione del lavoro difensivo, lo abbiamo preteso fin da stasera. Per alcuni minuti, anche lunghi, la squadra ha fatto una difesa di altissimo livello. Lo dico per i ragazzi, perché hanno fatto cose di altissimo livello in difesa. Per qualche dettaglio di mancanza di concentrazione e lucidità dove ha sicuramente inciso il fatto di giocare contro una squadra di EuroLeague, mi riferisco a un fallo al 24", passaggi sbagliati o mancate comunicazioni difensive. Però queste situazione sono state poche. Abbiamo giocato contro la squadra che dovrebbe stravincere il campionato e non abbiamo mollato. Abbiamo giocato la partita che volevamo giocare, a testa alta, i ragazzi ci hanno messo tutto. Questi sono dei presupposti, da domani inizieremo un lavoro tecnico/tattico. Possiamo partire con le undici/dodici partite in ritardo, ma arriviamo".