ESCLUSIVA PB - Torino, Toscano: "Siamo pronti a nuove battaglie"

21.05.2020 16:05 di Redazione Pianetabasket.com   Vedi letture
Ph. Basket Torino
Ph. Basket Torino

(di Emiliano Latino). Il 9 Luglio la Reale Mutua Basket Torino ha annunciato l’accordo per la stagione 2019/2020 con l'ala di Gaeta. 196 cm di forza, senza trascurare doti di agilità e personalità: il classe 1993 arriva sotto la Mole dopo una stagione a Rieti (8 punti e 4 rimbalzi di media-44% da due e il 38% da tre). La prima esperienza senior la prova a Latina, seguono quelle a Bari, a Matera in Lega2, Pordenone e Cecina. Nel 2016/17 con Bottegone vince il titolo di MVP del campionato di serie B ad oltre 15 punti e 10 rimbalzi di media, conquistandosi la chiamata di Legnano in A2 con cui disputa anche i play-off. Giocatore solido, di grande sostanza ed energia, ha risposto sempre presente, diventando ben presto idolo dei tifosi gialloblù. Coach Cavina potrà contare su di lui anche per la prossima stagione e a Torino sono certi che "Tosco" non deluderà le attese. 

Lo abbiamo raggiunto nella sua Fondi, dove, nonostante la quarantena, si tiene in forma pronto per nuove sfide. 

Quali sono state le tue prime sensazioni dopo la chiamata di Torino e il tuo approccio con la città?

"Ricevere la chiamata da Torino è per me motivo di orgoglio; città importante per     tradizione che ti motiva tanto e ti aiuta a far bene. Il progetto portato da Sassari era ed è ambizioso. Sono partito dal basso e, a parte l'anno di A2 a Matera come Under, questo è stato l'anno più importante della mia carriera. Ero stato a Torino da piccolo per partecipare ad un torneo giovanile: è una città che offre molto, ma non ti nascondo che qualche volta mi sono incasinato con le strade e i suoi mille semafori (ride)"

Quali erano i tuoi obiettivi per migliorare e crescere come professionista?

"Migliorare un po' in tutto, soprattutto mentalmente, cercando di star sempre dentro la partita e fare qual che mi chiedeva Cavina per aiutare la squadra: non sono un giocatore "con tanti punti nella mani", ma mi riescono bene altre cose come l'aspetto difensivo."

Obiettivi futuri al di la ella categoria a cui parteciperete?

"Migliorare ancor di più la concentrazione, perchè, in A1 (se mai dovesse essere...!)     vanno prese decisioni in pochissimi secondi, il livello è decisamente più alto e non s    aranno permessi errori di distrazione. Anche a livello fisico sto lavorando per     crescere ancor di più vista la la presenza di più giocatori americani che sappiamo essere decisamente più forti e strutturati."

Raccontaci il tuo rapporto con coach Cavina.

"Ottimo direi, spesso ci siamo trovati a parlare molto anche dopo le sessioni di     allenamento, rivedendo le cose che non sono andate bene in partita e aiutandomi a     riflettere sul modo di trascinare i miei compagni durante le fasi più delicate e     decisive. Sono chiede che chiede sempre ed è stato seguito da tutti fin da subito."

Idolo dei tifosi giallobù, la Curva Dido Guerrieri ti ha "adottato" subito...

"Straordinari, anche in trasferta ci hanno sempre fatto sentire la loro vicinanza; un     tifo veramente speciale, anche loro hanno subito il contraccolpo del precedente     fallimento e sono sicuro che il prossimo anno saranno verranno sempre di più al     palazzetto, nella speranza che l'emergenza Covid-19 torni nella normalità."